Martedì 18 Dicembre 2018 | 12:24

NEWS DALLA SEZIONE

Crescono i 'mammoni', il 66,4% dei giovani a casa con i genitori

Crescono i 'mammoni', il 66,4% dei giovani a casa con i genitori

 
Manovra: Ue, dialogo continua con Italia

Manovra: Ue, dialogo continua con Italia

 
Megalizzi, minuto di silenzio in sala stampa Commissione Ue

Megalizzi, minuto di silenzio in sala stampa Commissione Ue

 
Manovra: Merkel, fiduciosa su possibilità accordo

Manovra: Merkel, fiduciosa su possibilità accordo

 
Conte, saldo è quello, non ci sono altri margini

Conte, saldo è quello, non ci sono altri margini

 
Bilancio Ue: summit, slitta a fine '19 intesa su post 2020

Bilancio Ue: summit, slitta a fine '19 intesa su post 2020

 
Europarlamento propone 13 mld per fondo difesa Ue post-2020

Europarlamento propone 13 mld per fondo difesa Ue post-2020

 
Eurozona: Eurostat conferma pil +0,2%, Italia -0,1%

Eurozona: Eurostat conferma pil +0,2%, Italia -0,1%

 
Eurozona: occupazione +0,2% ma in Italia -0,3% in III trimestre

Eurozona: occupazione +0,2% ma in Italia -0,3% in III trimestre

 
Tav: Ue, ritardi possono portare anche a taglio fondi

Tav: Ue, ritardi possono portare anche a taglio fondi

 
Migranti: Ue valuta 6 mesi proroga tecnica per Sophia

Migranti: Ue valuta 6 mesi proroga tecnica per Sophia

 

Schengen: Pe approva limiti a controlli temporanei Stati

Schengen: Pe approva limiti a controlli temporanei Stati

BRUXELLES - Controlli temporanei limitati inizialmente a due mesi invece di sei mesi, un periodo massimo limitato a un anno invece di due anni e maggiori garanzie in caso di estensione dei controlli. Il Parlamento europeo ha fissato nuove norme su Schengen per i controlli temporanei alle frontiere nazionali. Il mandato per avviare colloqui informali con i ministri dell'Ue è stato approvato dalla miniplenaria del Parlamento europeo con 319 voti in favore, 241 voti contrari e 78 astensioni. I colloqui ora possono iniziare, poiché il Consiglio ha già raggiunto un accordo sulla sua posizione lo scorso giugno.

 

Nella votazione odierna, gli eurodeputati hanno stabilito che i Paesi dell'area Schengen dovranno fornire una valutazione dettagliata dei rischi se i controlli temporanei alle frontiere interne verranno prolungati oltre i due mesi iniziali. Inoltre, qualsiasi successiva estensione dei controlli oltre il limite dei sei mesi dovrà soddisfare i seguenti requisiti: una dichiarazione di conformità ai requisiti giuridici della Commissione europea, ma anche un'autorizzazione del Consiglio dei ministri dell'Ue

 

Austria, Germania, Danimarca, Svezia e Norvegia hanno ripristinato i controlli temporanei alle rispettive frontiere per le circostanze eccezionali della crisi migratoria iniziata nel 2015. Inoltre, la Francia dispone di controlli alle frontiere interne a causa di una minaccia terroristica persistente.

 

"Schengen è una delle maggiori conquiste dell'Ue, che, tuttavia, è stata messa in pericolo dai controlli illegali in corso da oltre tre anni alle frontiere interne, da parte di sei Stati membri, nonostante fosse previsto un periodo massimo di due anni", ha detto la relatrice Tanja Fajon (S&D). "Ciò dimostra quanto siano ambigue le norme attuali e come gli Stati ne abusino e le interpretino in modo scorretto. Se vogliamo salvare Schengen, dobbiamo porre fine a questa situazione e stabilire regole chiare", ha concluso.

 

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400