Giovedì 13 Dicembre 2018 | 14:27

NEWS DALLA SEZIONE

Eurozona: Eurostat conferma pil +0,2%, Italia -0,1%

Eurozona: Eurostat conferma pil +0,2%, Italia -0,1%

 
Eurozona: occupazione +0,2% ma in Italia -0,3% in III trimestre

Eurozona: occupazione +0,2% ma in Italia -0,3% in III trimestre

 
Tav: Ue, ritardi possono portare anche a taglio fondi

Tav: Ue, ritardi possono portare anche a taglio fondi

 
Migranti: Ue valuta 6 mesi proroga tecnica per Sophia

Migranti: Ue valuta 6 mesi proroga tecnica per Sophia

 
Per Ue più sovrana Bruxelles punta a rafforzare ruolo euro

Per Ue più sovrana Bruxelles punta a rafforzare ruolo euro

 
Banche: ok Ecofin a pacchetto misure che riducono rischi

Banche: ok Ecofin a pacchetto misure che riducono rischi

 
Salvini nominato personalità chiave Ue 2019 da 'Politico.eu'

Salvini nominato personalità chiave Ue 2019 da 'Politico.eu'

 
Manovra: Dombrovskis, stimolo Governo non funziona

Manovra: Dombrovskis, stimolo Governo non funziona

 
Da oggi shopping online in tutta Ue senza limitazioni aree

Da oggi shopping online in tutta Ue senza limitazioni aree

 
Eurozona: disoccupazione 8,1% a ottobre, più bassa da 2008

Eurozona: disoccupazione 8,1% a ottobre, più bassa da 2008

 
Manovra: Di Maio, accordo con Ue senza tradire italiani

Manovra: Di Maio, accordo con Ue senza tradire italiani

 

Rifiuti: al via causa Ue-Italia su discariche illegali

Rifiuti: al via causa Ue-Italia su discariche illegali

BRUXELLES - E' iniziato presso la Corte di giustizia Ue il procedimento a carico dell'Italia per la mancata bonifica o chiusura di 44 discariche non conformi alle norme di sicurezza Ue in materia. Come gli altri stati membri, l'Italia era tenuta a bonificare o chiudere entro il 16 luglio 2009 le discariche che avevano ottenuto un'autorizzazione o che erano già in funzione prima del 16 luglio 2001 (ossia le 'discariche esistenti'). Nel 2017, 44 siti risultavano ancora non conformi, e per questo la Commissione europea ha deferito l'Italia alla Corte Ue. Si tratta del primo rinvio davanti ai giudici di Lussemburgo, quindi almeno nell'immediato non c'è il rischio di multe o sanzioni. 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400