Mercoledì 23 Gennaio 2019 | 22:51

NEWS DALLA SEZIONE

Ue accende faro su cittadinanze in cambio di investimenti

Ue accende faro su cittadinanze in cambio di investimenti

 
Brexit: studio, 13 mld fondi Ue a Gb se resta nell'Unione

Brexit: studio, 13 mld fondi Ue a Gb se resta nell'Unione

 
Avvocato Corte Ue, ok a concessione Open Fiber banda ultra larga

Avvocato Corte Ue, ok a concessione Open Fiber banda ultra larga

 
Fonti Mogherini, pronti a chiudere Sophia

Fonti Mogherini, pronti a chiudere Sophia

 
Sul copyright Paesi Ue litigano ma lavoro prosegue

Sul copyright Paesi Ue litigano ma lavoro prosegue

 
Bce: da 27 gennaio stop emissione banconota da 500 euro

Bce: da 27 gennaio stop emissione banconota da 500 euro

 
Migranti: Ue, seguiamo da vicino eventi ma non coinvolti

Migranti: Ue, seguiamo da vicino eventi ma non coinvolti

 
Eurozona: Italia, debito cala a 133% nel terzo trimestre 2018

Eurozona: Italia, debito cala a 133% nel terzo trimestre 2018

 
Carige: ok Ue a garanzia per liquidità

Carige: ok Ue a garanzia per liquidità

 
Dazi definitivi Ue su import bici elettriche cinesi

Dazi definitivi Ue su import bici elettriche cinesi

 
Fondi Ue: De Michelis, negoziato difficile su stop erogazione

Fondi Ue: De Michelis, negoziato difficile su stop erogazione

 

Tria a Bruxelles con tetto 2,4%. Di Maio, non ci sanzioneranno

Tria a Bruxelles con tetto 2,4%. Di Maio, non ci sanzioneranno

ROMA - Rivendicare la linea "trumpiana" (nel senso di "espansiva") della manovra ma rassicurare che il 2,4% è il tetto massimo di deficit che l'Italia si impegna a non superare. E' la linea che i vicepremier Luigi Di Maio e Matteo Salvini hanno consegnato al ministro dell'Economia Giovanni Tria, in vista dell'Eurogruppo di oggi. Nei contatti del weekend, anche con il premier Giuseppe Conte, si sarebbe valutata la strategia da tenere nel confronto, che fonti di governo si aspettano "assai difficile", con i ministri Ue riuniti oggi a Bruxelles. Ma i vicepremier non avrebbero concesso molto alla linea del dialogo, persuasi - come ha detto Salvini - che la scelta se trattare o meno sia "archiviata" dalla necessità di fare investimenti per mettere al riparo il territorio dal dissesto.

 

La convinzione esplicitata da Di Maio in un'intervista rilasciata venerdì al Financial Times è che per ora l'avvio della procedura sia inevitabile, ma dopo - anche per la pressione politica delle prossime elezioni europee - si aprirà un "dialogo" e l'Italia "non sarà sanzionata". A rassicurare i mercati, il leader M5s spiega che il governo non sta scommettendo sul fatto che l'economia italiana è "too big to fail", troppo grande per fallire. E aggiunge di essere pronto a tatuarsi "che non vogliamo lasciare l'Euro". Ma dice di non voler fare concessioni "all'austerità" abbassando il deficit: l'Europa "nei prossimi dieci anni" andrà nella direzione di Donald Trump e la manovra "trumpiana" dell'Italia sarà una "ricetta" per gli altri Paesi Ue.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400