Martedì 20 Novembre 2018 | 16:13

NEWS DALLA SEZIONE

Tria, Governo Italia forte, chi attacca è in difficoltà

Tria, Governo Italia forte, chi attacca è in difficoltà

 
Moscovici, su riforma Eurozona parliamo con Tria

Moscovici, su riforma Eurozona parliamo con Tria

 
Brexit: Olanda, testo su relazione futura sia ambizioso

Brexit: Olanda, testo su relazione futura sia ambizioso

 
Brexit: Barnier, siamo in un momento decisivo

Brexit: Barnier, siamo in un momento decisivo

 
Ue-19: Eurostat conferma, inflazione ottobre sale a 2,2%

Ue-19: Eurostat conferma, inflazione ottobre sale a 2,2%

 
Manovra: Austria, non è cambiata, Bruxelles reagisca

Manovra: Austria, non è cambiata, Bruxelles reagisca

 
Brexit: May, sì all'intesa, non è stato facile. Vertice Ue il 25/11

Brexit: May, sì all'intesa, non è stato facile. Vertice Ue il 25/11

 
Bilancio Ue, Europarlamento fissa priorità su giovani, lavoro e clima

Bilancio Ue, Europarlamento fissa priorità su giovani, lavoro e clima

 
Eurozona: Pil Germania -0,2%, Italia resta ultima

Eurozona: Pil Germania -0,2%, Italia resta ultima

 
Manovra: Olanda, Italia delude, Commissione vada avanti

Manovra: Olanda, Italia delude, Commissione vada avanti

 
Merkel: 'Nazionalismi e egoismi non devono risorgere' - DIRETTA

Merkel: 'Nazionalismi e egoismi non devono risorgere' - DIRETTA

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

Banche: fonti Ue, tutti devono preoccuparsi dello spread

Banche: fonti Ue, tutti devono preoccuparsi dello spread

BRUXELLES - Nei Paesi dell'eurozona "tutti sono un po' preoccupati, e fanno bene ad esserlo", per l'aumento dello spread e i suoi potenziali effetti sulle banche italiane. Anche se non si "discute di contagio" perché per ora questo "sembra molto limitato". Lo sottolineano fonti Ue in vista dell'Eurogruppo di lunedì 5 novembre, dove l'Italia e la sua manovra, già bocciata da Bruxelles, saranno al centro dell'incontro tra i 19 ministri delle Finanze. Tutti i partner, secondo le stesse fonti, sono d'accordo con la scelta fatta dai commissari Dombrovskis e Moscovici. "Ci aspettiamo una discussione sulla falsariga di quella avuta ieri" all'Euroworking Group, dove "c'è stato un forte sostegno per la Commissione". Ma non si parlerà ancora di apertura della procedura per debito: "Questo è per un'altra fase", precisano le fonti ricordando che al prossimo Eurogruppo si discuterà "dell'opinione della Commissione, è abbastanza normale. Perché comunque le regole prevedono che le opinioni siano presentate all'Eurogruppo".

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400