Martedì 20 Novembre 2018 | 22:18

NEWS DALLA SEZIONE

Menù cena Juncker-Conte legato decisioni domani

Menù cena Juncker-Conte legato decisioni domani

 
Tria, Governo Italia forte, chi attacca è in difficoltà

Tria, Governo Italia forte, chi attacca è in difficoltà

 
Moscovici, su riforma Eurozona parliamo con Tria

Moscovici, su riforma Eurozona parliamo con Tria

 
Brexit: Olanda, testo su relazione futura sia ambizioso

Brexit: Olanda, testo su relazione futura sia ambizioso

 
Brexit: Barnier, siamo in un momento decisivo

Brexit: Barnier, siamo in un momento decisivo

 
Ue-19: Eurostat conferma, inflazione ottobre sale a 2,2%

Ue-19: Eurostat conferma, inflazione ottobre sale a 2,2%

 
Manovra: Austria, non è cambiata, Bruxelles reagisca

Manovra: Austria, non è cambiata, Bruxelles reagisca

 
Brexit: May, sì all'intesa, non è stato facile. Vertice Ue il 25/11

Brexit: May, sì all'intesa, non è stato facile. Vertice Ue il 25/11

 
Bilancio Ue, Europarlamento fissa priorità su giovani, lavoro e clima

Bilancio Ue, Europarlamento fissa priorità su giovani, lavoro e clima

 
Eurozona: Pil Germania -0,2%, Italia resta ultima

Eurozona: Pil Germania -0,2%, Italia resta ultima

 
Manovra: Olanda, Italia delude, Commissione vada avanti

Manovra: Olanda, Italia delude, Commissione vada avanti

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

Regling: sfiducia mercati ha impatto rapido su banche

Regling: sfiducia mercati ha impatto rapido su banche

BRUXELLES - "La sfiducia dei mercati si riflette sul mercato secondario e ciò ha un impatto molto rapido sui costi di rifinanziamento delle banche italiane", perciò "è giusto ricordare all'Italia i suoi impegni, che si applicano a tutti gli Stati della zona euro, ma allo stesso tempo non bisogna andare nel panico", perché "l'Italia non è la nuova Grecia e ha le sue forze": lo ha detto il direttore generale del Fondo salva-Stati, Klaus Regling, parlando a Monaco ad una conferenza. Tra i punti di forza, Regling ha ricordato che l'Italia "non ha mai perso accesso al mercato negli ultimi otto anni di crisi dell'euro, in più ha un avanzo primario relativamente elevato, lunghe scadenze nel finanziamento del bilancio e alti risparmi domestici". Ciononostante, spiega Regling, "ci sono rischi: l'Italia è la terza economia della zona euro. Con un rapporto debito/Pil del 130%, ha il secondo debito pubblico d'Europa. Anche se è perlopiù finanziato internamente".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400