Mercoledì 21 Novembre 2018 | 08:29

NEWS DALLA SEZIONE

Menù cena Juncker-Conte legato decisioni domani

Menù cena Juncker-Conte legato decisioni domani

 
Tria, Governo Italia forte, chi attacca è in difficoltà

Tria, Governo Italia forte, chi attacca è in difficoltà

 
Moscovici, su riforma Eurozona parliamo con Tria

Moscovici, su riforma Eurozona parliamo con Tria

 
Brexit: Olanda, testo su relazione futura sia ambizioso

Brexit: Olanda, testo su relazione futura sia ambizioso

 
Brexit: Barnier, siamo in un momento decisivo

Brexit: Barnier, siamo in un momento decisivo

 
Ue-19: Eurostat conferma, inflazione ottobre sale a 2,2%

Ue-19: Eurostat conferma, inflazione ottobre sale a 2,2%

 
Manovra: Austria, non è cambiata, Bruxelles reagisca

Manovra: Austria, non è cambiata, Bruxelles reagisca

 
Brexit: May, sì all'intesa, non è stato facile. Vertice Ue il 25/11

Brexit: May, sì all'intesa, non è stato facile. Vertice Ue il 25/11

 
Bilancio Ue, Europarlamento fissa priorità su giovani, lavoro e clima

Bilancio Ue, Europarlamento fissa priorità su giovani, lavoro e clima

 
Eurozona: Pil Germania -0,2%, Italia resta ultima

Eurozona: Pil Germania -0,2%, Italia resta ultima

 
Manovra: Olanda, Italia delude, Commissione vada avanti

Manovra: Olanda, Italia delude, Commissione vada avanti

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

Manovra: martedì esame Commissione Ue parere su Italia

Manovra: martedì esame Commissione Ue parere su Italia

BRUXELLES - La Commissione europea esaminerà martedì prossimo il parere sulla manovra dell'Italia e degli altri Paesi dell'Eurozona secondo quanto stabilito dalle norme europee. E' quanto prevede al momento l'ordine del giorno della riunione dell'esecutivo europeo in programma a Strasburgo, dove l'incontro si svolge quando cade in concomitanza con la sessione plenaria del Parlamento europeo. 

 

L'esame del parere sulla manovra avverrà in base a quanto stabilito dalle disposizione per il monitoraggio e la valutazione dei documenti programmatici di bilancio (Dpb) e per la correzione dei disavanzi eccessivi introdotte dall'articolo 7 del regolamento Ue 473 del 2013. Il testo dell'articolo in questione prevede che la Commissione adotti la sua posizione sul Dpb il prima possibile, e comunque entro il 30 novembre. In deroga a questa disposizione, secondo quanto recita la norma, "nei casi eccezionali in cui, previa consultazione dello Stato membro interessato entro una settimana dalla presentazione del progetto di documento programmatico di bilancio, la Commissione riscontri un'inosservanza particolarmente grave degli obblighi di politica finanziaria definiti nel Patto di stabilità e crescita, essa adotta il proprio parere entro due settimane dalla trasmissione del progetto di documento programmatico di bilancio". "Nel parere - si legge ancora nel testo della norma - la Commissione chiede che sia presentato un progetto riveduto di documento programmatico quanto prima e comunque entro tre settimane dalla data del suo parere. La richiesta della Commissione dev'essere motivata e resa pubblica".

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400