Venerdì 22 Febbraio 2019 | 16:59

NEWS DALLA SEZIONE

Tav: Juncker, decidono Italia-Francia, vediamo chi vince

Tav: Juncker, decidono Italia-Francia, vediamo chi vince

 
Brexit: Juncker, ancora non ci siamo. Non sono ottimista

Brexit: Juncker, ancora non ci siamo. Non sono ottimista

 
Moavero, chiarire scopo e fonte del bilancio dell'Eurozona

Moavero, chiarire scopo e fonte del bilancio dell'Eurozona

 
Eurozona: cala produzione edilizia, -0,4% a dicembre

Eurozona: cala produzione edilizia, -0,4% a dicembre

 
Europee: proiezioni Pe, calano Ppe e S&D, manca maggioranza

Europee: proiezioni Pe, calano Ppe e S&D, manca maggioranza

 
Brexit: Ue, siamo ancora in attesa di notizie da Londra

Brexit: Ue, siamo ancora in attesa di notizie da Londra

 
Iran: Ue, nostra posizione è chiara è non è cambiata

Iran: Ue, nostra posizione è chiara è non è cambiata

 
Tav: Ue, resta progetto necessario per unire regioni

Tav: Ue, resta progetto necessario per unire regioni

 
Via libera da Eurocamera ad accordo commerciale Ue-Singapore

Via libera da Eurocamera ad accordo commerciale Ue-Singapore

 
Tav: Ue, Italia chiarisca su analisi costi-benefici

Tav: Ue, Italia chiarisca su analisi costi-benefici

 
Eurocamera, ok a rafforzamento protezione civile Ue

Eurocamera, ok a rafforzamento protezione civile Ue

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceIl progetto
Lecce, i detenuti riparano barca migranti: sarà usata da ragazzi "difficili"

Lecce, i detenuti riparano barca migranti: sarà usata da ragazzi "difficili"

 
BariAmbiente
Bari, 3500 ricci sequestrati e rimessi in mare dalla Guardia Costiera

Bari, 3500 ricci sequestrati e rimessi in mare dalla Guardia Costiera VD

 
HomeIl siderurgico
Ex Ilva a Taranto, ripartono gli impianti: soddisfazione della Fim

Ex Ilva a Taranto, ripartono gli impianti: soddisfazione della Fim

 
HomeIn vista del 24 marzo
Regionali in Basilicata, a Potenza e Matera la presentazione delle liste

Regionali in Basilicata, a Potenza e Matera la presentazione delle liste

 
BrindisiFurto in casa
San Vito dei Normanni, ristrutturano abitazione e rubano 2.500 euro: denunciati n 2

San Vito dei Normanni, ristrutturano abitazione e rubano 2.500 euro: 2 denunciati 

 
GdM.TVGli arresti della Polizia
Andria, assaltavano tir con esplosivo e armi: decimato clan Griner, 11 in carcere

Andria, assaltavano tir con esplosivo e armi: decimato clan Griner, 11 in carcere

 
MateraSfruttamento
Metaponto, ecco la Felandina: il «ghetto» dove vivono 400 disperati

Metaponto, ecco la Felandina: il «ghetto» dove vivono 400 disperati

 
FoggiaAtti vandalici
Foggia, bus Ataf presi a sassate da baby gang

Foggia, bus Ataf presi a sassate da baby gang

 

65% italiani favorevoli euro, ma i meno entusiasti nell'Ue

65% italiani favorevoli euro, ma i meno entusiasti nell'Ue

BRUXELLES - Il 65% degli italiani si dichiara favorevole all'euro, ma gli intervistati in Italia sono i meno convinti dei benefici dell'appartenenza all'Unione europea (43%). Lo rivela l'ultimo sondaggio Eurobarometro condotto tra l'8 e il 26 settembre 2018 da Kantar Public in tutti e 28 gli Stati membri, in base al quale il 68% degli europei ritiene che il proprio Paese abbia tratto beneficio dall'appartenenza all'Ue e il 61% degli intervistati considera positivamente la moneta unica.

 

In caso di referendum nel proprio Paese sulla falsariga di quello della Brexit, solo il 44% degli italiani voterebbe per restare nell'Ue contro il 66% a livello europeo. E' il dato peggiore dei 28, anche a fronte dei britannici dove oggi il 53% è per il 'remain'. Secondo il sondaggio la percentuale degli indecisi nel Belpaese è pari al 32%, la più alta nell'Unione. Tra gli europei solo il 17% degli intervistati sarebbe a favore dell'uscita. Tra i britannici oggi solo il 35% è per il 'leave'. Solo il 42% degli italiani intervistati, inoltre, ritiene che sia positiva l'appartenenza all'Ue, il secondo dato più basso di tutti i Paesi europei dopo la Repubblica ceca (39%). Questo dato è comunque in crescita di 4 punti percentuali rispetto a settembre 2017, e mostra un trend positivo negli ultimi anni.

 

Per il 68% degli europei, invece, il proprio Paese ha beneficiato dell'appartenenza all'Ue: si tratta del dato più alto dal 1983, mentre per il 62% è positivo appartenere all'Unione, il dato più alto dal 1992. La grande maggioranza degli italiani (65%) dichiara, inoltre, di essere favorevole all'euro, con una crescita di 4 punti rispetto a marzo 2018 e con una percentuale superiore alla media Ue (61%).

 

Un terzo (32%) degli europei ha un'opinione positiva sul parlamento europeo, un quinto (21%) esprime un parere negativo e una maggioranza relativa (43%) rimane neutrale. I dati di Eurobarometro evidenziano inoltre che il 48% degli intervistati vorrebbe che l'Ue svolgesse un ruolo più significativo in futuro, mentre il 27% preferirebbe fosse ridimensionato. In base alla rivelazione cresce anche la consapevolezza delle elezioni europee del prossimo anno, con il 41% che identifica correttamente la data a maggio 2019 - un aumento di nove punti percentuale rispetto ad un'indagine analoga di sei mesi fa -, e il 51% degli intervistati che si dichiara interessato alla tornata elettorale europea. Tuttavia, il 44% ancora non sa dire quando si voterà.

 

Nell'agenda dei temi prioritari per l'imminente campagna elettorale l'immigrazione risulta essere al primo posto (50%), seguita dall'economia (47%) e dalla disoccupazione giovanile (47%), mentre la lotta al terrorismo scende al quarto posto con il 44%. Priorità simili anche per i cittadini italiani, anche se l'immigrazione è percepita come tema chiave da ben il 71% degli intervistati. Seguono l'economia con il 62% e la disoccupazione giovanile al 59%. Le rilevazioni di questo sondaggio sono state condotte con un campione di 27.474 europei di 16 anni o più, intervistati con metodologia faccia a faccia.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400