Giovedì 24 Gennaio 2019 | 05:45

NEWS DALLA SEZIONE

Ue accende faro su cittadinanze in cambio di investimenti

Ue accende faro su cittadinanze in cambio di investimenti

 
Brexit: studio, 13 mld fondi Ue a Gb se resta nell'Unione

Brexit: studio, 13 mld fondi Ue a Gb se resta nell'Unione

 
Avvocato Corte Ue, ok a concessione Open Fiber banda ultra larga

Avvocato Corte Ue, ok a concessione Open Fiber banda ultra larga

 
Fonti Mogherini, pronti a chiudere Sophia

Fonti Mogherini, pronti a chiudere Sophia

 
Sul copyright Paesi Ue litigano ma lavoro prosegue

Sul copyright Paesi Ue litigano ma lavoro prosegue

 
Bce: da 27 gennaio stop emissione banconota da 500 euro

Bce: da 27 gennaio stop emissione banconota da 500 euro

 
Migranti: Ue, seguiamo da vicino eventi ma non coinvolti

Migranti: Ue, seguiamo da vicino eventi ma non coinvolti

 
Eurozona: Italia, debito cala a 133% nel terzo trimestre 2018

Eurozona: Italia, debito cala a 133% nel terzo trimestre 2018

 
Carige: ok Ue a garanzia per liquidità

Carige: ok Ue a garanzia per liquidità

 
Dazi definitivi Ue su import bici elettriche cinesi

Dazi definitivi Ue su import bici elettriche cinesi

 
Fondi Ue: De Michelis, negoziato difficile su stop erogazione

Fondi Ue: De Michelis, negoziato difficile su stop erogazione

 

Gli alleati di Merkel crollano in Baviera, boom Verdi

Gli alleati di Merkel crollano in Baviera, boom Verdi

BERLINO, 14 OTT - Le urne provocano l'atteso terremoto in Baviera, dove i cristiano-sociali di Horst Seehofer perdono la maggioranza assoluta, crollando al 37,3%. Sfondano i Verdi, che diventano la seconda forza del Land, mentre è drammatico il tonfo per i socialdemocratici, spodestati proprio dagli ecologisti. Anche nel sud della Germania infine avanza l'ultradestra, con l'ingresso nel parlamento regionale di Alternative fuer Deutschland, che conquista sì le due cifre ma non i risultati clamorosi che sperava. Questo terremoto politico locale propagherà le sue onde anche a Berlino, e si temono effetti sulla politica federale. Per valutare la tenuta della Grosse Koalition occorrerà comunque aspettare le amministrative in Assia, il 28 ottobre, fra due domeniche.

 

Persi sul terreno oltre 10 punti rispetto al 2013 (quando il partito svettava al 47,7%), Markus Soeder, candidato presidente della Csu, ha comunque rivendicato il diritto al governo: "Non è una giornata facile e abbiamo avuto un risultato doloroso. Ma una cosa è chiara: non solo siamo il partito più forte, ma abbiamo anche un chiaro mandato a governare". Soeder ha anche annunciato di "voler parlare con tutti i partiti, ma non con l'Afd". Stando alle proiezioni pubblicate in serata da Ard, la Csu potrebbe formare un esecutivo con i Verdi, che trionfano col 17,8% (+9,2 rispetto al 2013), ma forse anche con i Freie Waehler, politicamente più affini e fra i vincitori della serata con l'11,6% (+2,6). 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400