Venerdì 14 Dicembre 2018 | 22:44

NEWS DALLA SEZIONE

Manovra: Merkel, fiduciosa su possibilità accordo

Manovra: Merkel, fiduciosa su possibilità accordo

 
Conte, saldo è quello, non ci sono altri margini

Conte, saldo è quello, non ci sono altri margini

 
Bilancio Ue: summit, slitta a fine '19 intesa su post 2020

Bilancio Ue: summit, slitta a fine '19 intesa su post 2020

 
Europarlamento propone 13 mld per fondo difesa Ue post-2020

Europarlamento propone 13 mld per fondo difesa Ue post-2020

 
Eurozona: Eurostat conferma pil +0,2%, Italia -0,1%

Eurozona: Eurostat conferma pil +0,2%, Italia -0,1%

 
Eurozona: occupazione +0,2% ma in Italia -0,3% in III trimestre

Eurozona: occupazione +0,2% ma in Italia -0,3% in III trimestre

 
Tav: Ue, ritardi possono portare anche a taglio fondi

Tav: Ue, ritardi possono portare anche a taglio fondi

 
Migranti: Ue valuta 6 mesi proroga tecnica per Sophia

Migranti: Ue valuta 6 mesi proroga tecnica per Sophia

 
Per Ue più sovrana Bruxelles punta a rafforzare ruolo euro

Per Ue più sovrana Bruxelles punta a rafforzare ruolo euro

 
Banche: ok Ecofin a pacchetto misure che riducono rischi

Banche: ok Ecofin a pacchetto misure che riducono rischi

 
Salvini nominato personalità chiave Ue 2019 da 'Politico.eu'

Salvini nominato personalità chiave Ue 2019 da 'Politico.eu'

 

Bilancio Ue: Katainen, con Brexit tagli inevitabili post-2020

Bilancio Ue: Katainen, con Brexit tagli inevitabili post-2020

BRUXELLES - Rispetto all'attuale bilancio comunitario, nel quadro finanziario post-2020 "i tagli sono inevitabili". Lo ha sottolineato il vicepresidente della Commissione Ue alla crescita Jyrki Katainen, nel suo intervento alla tavola rotonda sul futuro quadro finanziario pluriannuale. "Tutti sanno perché si devono operare dei tagli: a causa della Brexit. La matematica non è un'opinione", ha avvertito Katainen. "Coesione e politica agricola comune (Pac) - ha aggiunto - rappresentano insieme il 70% del bilancio, e dobbiamo guardare" a queste voci "per risparmi moderati" che permettano di finanziare "le nuove priorità". 

 

Il "problema dello stato di diritto" in alcuni Paesi Ue sarà un "tema primario" nei negoziati per il bilancio comunitario post-2020. E' l'avvertimento lanciato dal vicepresidente della Commissione Ue alla crescita Jyrki Katainen, nel suo intervento alla tavola rotonda sul futuro bilancio Ue. Oltre alla "Brexit e ad alcuni tagli proposti in aree prioritarie, c'è una nuova sfida" che si porrà nei negoziati per il prossimo bilancio pluriennale, ha sottolineato Katainen, ossia "il problema dello stato di diritto in alcuni dei nostri Paesi membri". "Sarà una delle più grandi questioni - ha confermato - quando parleremo del prossimo bilancio pluriennale".

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400