Mercoledì 12 Dicembre 2018 | 11:05

NEWS DALLA SEZIONE

Eurozona: Eurostat conferma pil +0,2%, Italia -0,1%

Eurozona: Eurostat conferma pil +0,2%, Italia -0,1%

 
Eurozona: occupazione +0,2% ma in Italia -0,3% in III trimestre

Eurozona: occupazione +0,2% ma in Italia -0,3% in III trimestre

 
Tav: Ue, ritardi possono portare anche a taglio fondi

Tav: Ue, ritardi possono portare anche a taglio fondi

 
Migranti: Ue valuta 6 mesi proroga tecnica per Sophia

Migranti: Ue valuta 6 mesi proroga tecnica per Sophia

 
Per Ue più sovrana Bruxelles punta a rafforzare ruolo euro

Per Ue più sovrana Bruxelles punta a rafforzare ruolo euro

 
Banche: ok Ecofin a pacchetto misure che riducono rischi

Banche: ok Ecofin a pacchetto misure che riducono rischi

 
Salvini nominato personalità chiave Ue 2019 da 'Politico.eu'

Salvini nominato personalità chiave Ue 2019 da 'Politico.eu'

 
Manovra: Dombrovskis, stimolo Governo non funziona

Manovra: Dombrovskis, stimolo Governo non funziona

 
Da oggi shopping online in tutta Ue senza limitazioni aree

Da oggi shopping online in tutta Ue senza limitazioni aree

 
Eurozona: disoccupazione 8,1% a ottobre, più bassa da 2008

Eurozona: disoccupazione 8,1% a ottobre, più bassa da 2008

 
Manovra: Di Maio, accordo con Ue senza tradire italiani

Manovra: Di Maio, accordo con Ue senza tradire italiani

 

Fondi: Ue, aperti a richieste Italia ma regole da rispettare

Fondi: Ue, aperti a richieste Italia ma regole da rispettare

BRUXELLES - "Sono a conoscenza della richiesta dell'Italia" di aumentare la quota europea di co-finanziamento per i programmi che utilizzano fondi strutturali, "la Commissione ha risposto alla lettera" del governo e "sollecita" le autorità italiane a inviare le richieste con le modifiche "il prima possibile". Così la Commissaria Ue per la politica regionale, Corina Cretu, oggi in conferenza stampa a Bruxelles nel giorno d'avvio della Settimana europea delle regioni e delle città. Cretu, nell'annunciare una telefonata con la ministro Lezzi, che avverrà "tra domani e dopodomani", spiega: "Siamo qui per aiutare. C'è apertura, ma abbiamo anche delle regole cui dobbiamo attenerci".

 

Parlerò con la ministra Lezzi - spiega la commissaria - "per comprendere cosa può essere adottato dalla Commissione entro fine anno. Secondo le regole nazionali - ricorda Cretu - le risorse liberate dalla riduzione della quota di co-finanziamento devono essere usate nello stesso territorio e in linea con gli obiettivi della politica di coesione. La Commissione lo ribadisce nella lettera. Se si vogliono spostare" le risorse "temo occorra passare per il Parlamento europeo". Cretu assicura che col governo "c'è uno scambio continuo". "Siamo qui per aiutare. C'è apertura - evidenzia - ma abbiamo anche delle regole e dobbiamo attenerci" a quest'ultime.

 

Con la politica di coesione post-2020 "non ci possiamo permettere i ritardi che abbiamo avuto nell'ultimo periodo di programmazione", è il monito lanciato poi dalla Commissaria europea per la politica regionale. Per Cretu, gli Stati membri devono "iniziare a preparare" da subito i programmi. "La Commissione - sottolinea Cretu - ha proposto un'ambiziosa riforma della politica di coesione, di cui sono molto fiera" anche perché "nessuna Regione verrà lasciata indietro".

 

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400