Martedì 23 Ottobre 2018 | 15:56

NEWS DALLA SEZIONE

Europee: Juncker, chiudere prima prossimo bilancio Ue

Europee: Juncker, chiudere prima prossimo bilancio Ue

 
Eurozona: debito Italia sale a 133,1% nel secondo trimestre

Eurozona: debito Italia sale a 133,1% nel secondo trime...

 
Manovra: Moscovici avverte Italia, deficit strutturale troppo elevato

Manovra: Moscovici avverte Italia, deficit strutturale ...

 
Regling: sfiducia mercati ha impatto rapido su banche

Regling: sfiducia mercati ha impatto rapido su banche

 
Manovra: Moscovici, attendo risposte per mezzogiorno

Manovra: Moscovici, attendo risposte per mezzogiorno

 
Moody's: Tajani, né rating né Ue problema ma com'è manovra

Moody's: Tajani, né rating né Ue problema ma com'è mano...

 
Conte: manovra non cambia, ci siederemo a tavolo con Ue

Conte: manovra non cambia, ci siederemo a tavolo con Ue

 
Manovra: martedì esame Commissione Ue parere su Italia

Manovra: martedì esame Commissione Ue parere su Italia

 
Per Conte drink in albergo con Macron, Merkel, Bettel, Berset

Per Conte drink in albergo con Macron, Merkel, Bettel, ...

 
Kurz, Ue non può correre rischio debito per Italia

Kurz, Ue non può correre rischio debito per Italia

 
Manovra: Ue, deviazione senza precedenti nella storia

Manovra: Ue, deviazione senza precedenti nella storia

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

i più letti

Appello Renzi e big Ue contro sovranisti, 'sveglia Europa!'

Appello Renzi e big Ue contro sovranisti, 'sveglia Europa!'

PARIGI - "Svegliamo l'Europa!": l'ex premier Matteo Renzi, insieme con il segretario della République En Marche (Lrem) Christophe Castaner (Francia), l'ex premier belga Guy Verhofstadt, il presidente di Ciudadanos Albert Rivera (Spagna), il premier maltese Joseph Muscat e altre personalità politiche europee lanciano un forte appello per la "rifondazione" del continente. "La promessa europea non è perduta, ma sonnecchia", affermano dalle colonne di diverse testate europee, in Italia 'La Stampa'. "I recenti progressi sui lavoratori distaccati o la difesa - proseguono - dimostrano che l'Europa va avanti quando la volontà politica unisce gli europei intorno ad un progetto chiaro ed ambizioso". Quindi l'affondo contro "tutti gli Orban, i Le Pen, i Salvini d'Europa che sanno soltanto accusare l'Unione di tutti i mali senza proporre nulla di costruttivo". A otto mesi dal voto Ue, i firmatari si dicono "determinati a non escludere nulla. Se la rifondazione dell'Europa lo richiede, siamo pronti a riformare i trattati. 

 

Risoluti ad andare avanti nonostante i blocchi". "Il nostro progetto di rifondazione è chiaro - si sottolinea nel testo - Piuttosto che le minacce di 'pulizia di massa' del signor Salvini, di 'sbarazzarsi dell'Islam' dell'AfD o di 'farla finita con l'Europa' di Madame Le Pen, rivendichiamo fieramente i valori fondanti di pace, libertà, prosperità e solidarietà. 

 

Piuttosto che gli appelli ad azzittire la giustizia e le opposizioni, rivendichiamo il rispetto dello Stato di diritto e delle istituzioni democratiche. Piuttosto che un continente diviso e indebolito esposto alla mercé delle altre grandi potenze mondiali, rivendichiamo un'Europa sovrana che agisce con forza laddove l'azione di Paesi isolati è impotente".

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400