Venerdì 14 Dicembre 2018 | 23:04

NEWS DALLA SEZIONE

Manovra: Merkel, fiduciosa su possibilità accordo

Manovra: Merkel, fiduciosa su possibilità accordo

 
Conte, saldo è quello, non ci sono altri margini

Conte, saldo è quello, non ci sono altri margini

 
Bilancio Ue: summit, slitta a fine '19 intesa su post 2020

Bilancio Ue: summit, slitta a fine '19 intesa su post 2020

 
Europarlamento propone 13 mld per fondo difesa Ue post-2020

Europarlamento propone 13 mld per fondo difesa Ue post-2020

 
Eurozona: Eurostat conferma pil +0,2%, Italia -0,1%

Eurozona: Eurostat conferma pil +0,2%, Italia -0,1%

 
Eurozona: occupazione +0,2% ma in Italia -0,3% in III trimestre

Eurozona: occupazione +0,2% ma in Italia -0,3% in III trimestre

 
Tav: Ue, ritardi possono portare anche a taglio fondi

Tav: Ue, ritardi possono portare anche a taglio fondi

 
Migranti: Ue valuta 6 mesi proroga tecnica per Sophia

Migranti: Ue valuta 6 mesi proroga tecnica per Sophia

 
Per Ue più sovrana Bruxelles punta a rafforzare ruolo euro

Per Ue più sovrana Bruxelles punta a rafforzare ruolo euro

 
Banche: ok Ecofin a pacchetto misure che riducono rischi

Banche: ok Ecofin a pacchetto misure che riducono rischi

 
Salvini nominato personalità chiave Ue 2019 da 'Politico.eu'

Salvini nominato personalità chiave Ue 2019 da 'Politico.eu'

 

Brexit: ok congresso Labour a opzione referendum bis

Brexit: ok congresso Labour a opzione referendum bis

LONDRA - Il Labour britannico apre all'opzione di un referendum bis sulla Brexit. Lo ha deciso ieri la conferenza annuale del partito di Jeremy Corbyn, a Liverpool, approvando a valanga una mozione che prevede esplicitamente la possibilità di invocare un secondo voto popolare sull'esito dei negoziati con Bruxelles, seppure in subordine rispetto alla prospettiva di elezioni politiche anticipate, in caso di un 'no deal' o di un accordo con l'Ue firmato dal governo Tory di Theresa May, ma respinto dal parlamento di Westminster. Il leader laburista britannico, Jeremy Corbyn, ha frenato sull'ipotesi di un secondo referendum sulla Brexit automatico in caso di bocciatura in parlamento dei risultati negoziali del governo Tory di Theresa May, nonostante la mozione messa ai voti al riguardo dal congresso del suo partito a Liverpool.

 

Intervistato dalla Bbc, Corbyn ha assicurato di appoggiare senza riserve la mozione e la posizione espressa all'assise di Liverpool dal suo ministro ombra per la Brexit, Keir Starmer, ma ha precisato che di fronte allo scenario di un inciampo parlamentare finale del governo May, il primo passo da fare sarebbe comunque tornare a Bruxelles per cercare "di negoziare un accordo migliore". Non solo: il numero uno del Labour ha pure dribblato un interrogativo su quale sarebbe il suo voto laddove un nuovo referendum si tenesse davvero, dicendo di non voler rispondere per ora a "una domanda ipotetica".

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400