Mercoledì 12 Dicembre 2018 | 19:19

NEWS DALLA SEZIONE

Eurozona: Eurostat conferma pil +0,2%, Italia -0,1%

Eurozona: Eurostat conferma pil +0,2%, Italia -0,1%

 
Eurozona: occupazione +0,2% ma in Italia -0,3% in III trimestre

Eurozona: occupazione +0,2% ma in Italia -0,3% in III trimestre

 
Tav: Ue, ritardi possono portare anche a taglio fondi

Tav: Ue, ritardi possono portare anche a taglio fondi

 
Migranti: Ue valuta 6 mesi proroga tecnica per Sophia

Migranti: Ue valuta 6 mesi proroga tecnica per Sophia

 
Per Ue più sovrana Bruxelles punta a rafforzare ruolo euro

Per Ue più sovrana Bruxelles punta a rafforzare ruolo euro

 
Banche: ok Ecofin a pacchetto misure che riducono rischi

Banche: ok Ecofin a pacchetto misure che riducono rischi

 
Salvini nominato personalità chiave Ue 2019 da 'Politico.eu'

Salvini nominato personalità chiave Ue 2019 da 'Politico.eu'

 
Manovra: Dombrovskis, stimolo Governo non funziona

Manovra: Dombrovskis, stimolo Governo non funziona

 
Da oggi shopping online in tutta Ue senza limitazioni aree

Da oggi shopping online in tutta Ue senza limitazioni aree

 
Eurozona: disoccupazione 8,1% a ottobre, più bassa da 2008

Eurozona: disoccupazione 8,1% a ottobre, più bassa da 2008

 
Manovra: Di Maio, accordo con Ue senza tradire italiani

Manovra: Di Maio, accordo con Ue senza tradire italiani

 

Brexit: May, Londra pretende rispetto da Bruxelles

Brexit: May, Londra pretende rispetto da Bruxelles

LONDRA - Il governo britannico ha sempre trattato l'Unione Europea "con nient'altro se non rispetto" e "il Regno Unito si attende lo stesso" rispetto da Bruxelles. Lo ha detto la premier Theresa May nel suo intervento da Downing Street sulla Brexit, in risposta all'atteggiamento di ieri dei leader dei 27 a Salisburgo. "Una buona relazione dipende da questo, alla fine del processo" negoziale, ha quindi avvertito, lasciando trasparire la sua irritazione per i toni del vertice di ieri. May ha quindi insistito sulla "buona fede" delle proposte - in parte bocciate da Bruxelles - contenute nel piano varato dal proprio governo nella riunione di Chequers. Mentre ha respinto come inaccettabili "le due sole opzioni offerte tuttora dall'Ue".

 

Il modello norvegese, con la permanenza di Londra nell'Area Economica Europea, non va bene perché a suo dire, "tradotto in inglese semplice, significherebbe per il Regno Unito" diventare un Paese vassallo: "sottomesso a tutte le regole dell'Unione, con la continuazione di un'immigrazione incontrollata dall'Ue e nell'impossibilità di stringere accordi commerciali con Paesi terzi", "una presa in giro del referendum" sulla Brexit. Mentre il modello alternativo canadese di un accordo di libero scambio sarebbe "anche peggio", poiché nell'ottica di Bruxelles andrebbe associato "alla permanenza di fatto della sola Irlanda del Nord nell'Unione Doganale e nel Mercato Unico": una garanzia del mantenimento d'una frontiera irlandese aperta come prescrivono gli storici accordi di pace del Venerdì Santo, ma che secondo la premier Tory avrebbe come conseguenza "la separazione permanente" dell'Ulster dal resto del Regno Unito.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400