Lunedì 17 Dicembre 2018 | 05:31

NEWS DALLA SEZIONE

Manovra: Merkel, fiduciosa su possibilità accordo

Manovra: Merkel, fiduciosa su possibilità accordo

 
Conte, saldo è quello, non ci sono altri margini

Conte, saldo è quello, non ci sono altri margini

 
Bilancio Ue: summit, slitta a fine '19 intesa su post 2020

Bilancio Ue: summit, slitta a fine '19 intesa su post 2020

 
Europarlamento propone 13 mld per fondo difesa Ue post-2020

Europarlamento propone 13 mld per fondo difesa Ue post-2020

 
Eurozona: Eurostat conferma pil +0,2%, Italia -0,1%

Eurozona: Eurostat conferma pil +0,2%, Italia -0,1%

 
Eurozona: occupazione +0,2% ma in Italia -0,3% in III trimestre

Eurozona: occupazione +0,2% ma in Italia -0,3% in III trimestre

 
Tav: Ue, ritardi possono portare anche a taglio fondi

Tav: Ue, ritardi possono portare anche a taglio fondi

 
Migranti: Ue valuta 6 mesi proroga tecnica per Sophia

Migranti: Ue valuta 6 mesi proroga tecnica per Sophia

 
Per Ue più sovrana Bruxelles punta a rafforzare ruolo euro

Per Ue più sovrana Bruxelles punta a rafforzare ruolo euro

 
Banche: ok Ecofin a pacchetto misure che riducono rischi

Banche: ok Ecofin a pacchetto misure che riducono rischi

 
Salvini nominato personalità chiave Ue 2019 da 'Politico.eu'

Salvini nominato personalità chiave Ue 2019 da 'Politico.eu'

 

Da imprenditore 1 milione a campagna per nuovo referendum sulla Brexit

Da imprenditore 1 milione a campagna per nuovo referendum sulla Brexit

ROMA - L'imprenditore britannico Julian Dunkerton, co-fondatore del marchio di abbigliamento Superdry, ha donato un milione di sterline (oltre 1,1 milioni di euro) alla campagna 'People's Vote' per un secondo referendum sulla Brexit. "Abbiamo una reale possibilità di tornare indietro", ha commentato Dunkerton, secondo quanto riporta la Bbc online, sottolineando che il suo marchio "non sarebbe mai diventato un successo globale" se la Brexit fosse successa 20 fa. La sua donazione, la più grande ricevuta finora dalla campagna, servirà a finanziare sondaggi di opinione sull'argomento. La campagna punta ad assicurarsi il sostegno del maggior numero possibile dei parlamentari britannici a favore di un referendum sull'accordo che la premier Theresa May raggiungerà con Bruxelles.

 

Intanto, l'ex numero uno del partito euroscettico UKip Nigel Farage ha annunciato ieri che si unirà al gruppo di pressione 'Leave Means Leave' per contrastare qualsiasi tentativo futuro della May di annacquare il previsto accordo con Bruxelles per l'uscita del regno dall'Ue.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400