Giovedì 21 Marzo 2019 | 11:05

NEWS DALLA SEZIONE

Fonti Ue, Europa vuole riformare Wto in partnership con Cina

Fonti Ue, Europa vuole riformare Wto in partnership con Cina

 
Brexit: Tajani, i diritti dei cittadini sono intoccabili

Brexit: Tajani, i diritti dei cittadini sono intoccabili

 
Nuova multa Ue a Google, 1,49 mld per AdSense

Nuova multa Ue a Google, 1,49 mld per AdSense

 
Al Parlamento Ue progetto italiano per diserbo ferrovie senza glifosato

Al Parlamento Ue progetto italiano per diserbo ferrovie senza glifosato

 
Tajani a Borghi, respingo ogni minaccia a funzionari Pe

Tajani a Borghi, respingo ogni minaccia a funzionari Pe

 
Migranti: Mogherini, senza novità positive Sophia finirà

Migranti: Mogherini, senza novità positive Sophia finirà

 
Ue-Cina: pressing Commissione su 28 per reciprocità appalti

Ue-Cina: pressing Commissione su 28 per reciprocità appalti

 
Nuova Zelanda: Juncker, orrore e tristezza per attacco

Nuova Zelanda: Juncker, orrore e tristezza per attacco

 
Brexit: May scommette tutto sul pressing per il suo accordo

Brexit: May scommette tutto sul pressing per il suo accordo

 
'Estradate Casimirri', la Lega vince la battaglia all'Eurocamera

'Estradate Casimirri', la Lega vince la battaglia all'Eurocamera

 
Via Seta: fonti Ue, non preoccupati, ci sono paletti

Via Seta: fonti Ue, non preoccupati, ci sono paletti

 

Il Biancorosso

IL PERSONAGGIO
La signora Francesca colpisce ancoraPizze e focacce per gli auguri a Brienza

La signora Francesca colpisce ancora
Pizze e focacce per gli auguri a Brienza

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoNel tarantino
Castellaneta Marina, sequestrato ristorante sulla spiaggia completamente abusivo

Castellaneta Marina, sequestrato ristorante in spiaggia abusivo

 
BatÈ intervenuta la polizia
Barletta, tenta di uccidere il fratello accoltellandolo dopo lite, 53enne in cella

Barletta, tenta di uccidere il fratello accoltellandolo dopo lite, 53enne in cella

 
BariL'inchiesta
Mercato nero della legna: un business malavitoso

Mercato nero della legna: un business malavitoso

 
LecceA lecce
Statua S.Oronzo, procede restauro: «È molto deteriorata»

Statua S.Oronzo, procede restauro: «È molto deteriorata»

 
MateraInfortunio sul lavoro
Policoro, 34enne muore mentre taglia alberi. Allarme sindacati

Policoro, 34enne muore mentre taglia alberi. Allarme sindacati

 
FoggiaNel Foggiano
Lesina, procura indaga su imprenditore Casanova per abusi edilizi

Lesina, procura indaga su imprenditore Casanova per abusi edilizi

 
BrindisiCentrale Enel Brindisi
Cerano, principio di incendio nella torre nastro trasportatore, nessuna conseguenza

Cerano, principio di incendio nella torre nastro trasportatore, nessuna conseguenza

 
PotenzaLe previsioni
Economia: nel 2019-2023 Potenza crescita zero

Economia: nel 2019-2023 Potenza crescita zero

 

Brexit: governo May nella bufera, lascia il ministro Davis

Brexit: governo May nella bufera, lascia il ministro Davis

LONDRA - Colpo da ko, o quasi, per il governo conservatore britannico di Theresa May: il ministro per la Brexit, David Davis, elemento chiave della compagine, ha fatto annunciare stanotte le sue dimissioni dall'incarico in polemica con la svolta verso un negoziato più soft con l'Ue strappata in questi giorni dalla premier. Davis, esponente di punta della corrente Tory euroscettica, ha deciso, dopo qualche giorno di riflessione, di non poter evidentemente accettare la nuova strategia più 'conciliante' nei confronti di Bruxelles che May aveva imposto al consiglio dei ministri solo venerdì scorso. Le dimissioni del ministro, in attesa dell'ufficializzazione di Downing Street e della nomina di un sostituto, sono state confermate dalla Bbc e da tutti i media del Regno Unito.

 

Davis, 69 anni, finora responsabile per il governo britannico dei negoziati sul divorzio con l'Ue, aveva sottoscritto venerdì - come tutti gli altri ministri - il compromesso proposto da Theresa May per cercare di sbloccare le trattative con Bruxelles: compromesso sgradito ai 'brexiteers' ultrà del suo stesso partito, considerato da qualcuno alla stregua di un 'tradimento' del risultato del referendum del 2016 e improntato a un'apertura sull'ipotesi di creazione di un'area di libero scambio post Brexit - con regole comuni - almeno per i beni industriali e per l'agricoltura, oltre che alla definizione di nuove intese doganali con l'Ue. Concessioni interpretate da diversi deputati della corrente dei falchi come un cedimento, ma su cui inizialmente la premier sembrava aver ricomposto una sia pur fragile unanimità in seno al gabinetto, ora rotta da Davis.

 

L'uscita di scena del ministro per la Brexit rischia di essere in effetti l'inizio di un effetto domino (il primo a seguire potrebbe essere il titolare degli Esteri, Boris Johnson) in grado di mandare in pezzi l'esecutivo, la maggioranza e la compattezza del Partito Conservatore. Con tanto di scenario incombente di elezioni anticipate. E le reazioni non si sono fatte attendere. Dal fronte dei 'brexititeers', plausi al gesto "coraggioso e da uomo di principi" di Davis arrivano a tamburo battente da deputati come Peter Bone, Andrea Jenkyns e Harry Smith, mentre molti osservatori danno già per scontata una sfida imminente alla leadership Tory della May. Da quello dell'opposizione laburista di Jeremy Corbyn - indicata in corsia di sorpasso in caso di ritorno alle urne da un ultimo sondaggio pubblicato giusto ieri - si guarda invece apertamente a questo punto allo sbocco ravvicinato di un possibile nuovo voto entro pochi mesi. "Il Partito Conservatore è ormai nel caos", commenta fra gli altri il presidente del consiglio nazionale del Labour, Ian Lavery. Né manca chi, dalla trincea dei 'remainer' più irriducibili, rilancia alla fine di tutto il processo anche lo scenario di un referendum bis sulla Brexit. Sognando la rivincita.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400