Lunedì 22 Ottobre 2018 | 21:42

NEWS DALLA SEZIONE

Manovra: Moscovici avverte Italia, deficit strutturale troppo elevato

Manovra: Moscovici avverte Italia, deficit strutturale ...

 
Regling: sfiducia mercati ha impatto rapido su banche

Regling: sfiducia mercati ha impatto rapido su banche

 
Manovra: Moscovici, attendo risposte per mezzogiorno

Manovra: Moscovici, attendo risposte per mezzogiorno

 
Moody's: Tajani, né rating né Ue problema ma com'è manovra

Moody's: Tajani, né rating né Ue problema ma com'è mano...

 
Conte: manovra non cambia, ci siederemo a tavolo con Ue

Conte: manovra non cambia, ci siederemo a tavolo con Ue

 
Manovra: martedì esame Commissione Ue parere su Italia

Manovra: martedì esame Commissione Ue parere su Italia

 
Per Conte drink in albergo con Macron, Merkel, Bettel, Berset

Per Conte drink in albergo con Macron, Merkel, Bettel, ...

 
Kurz, Ue non può correre rischio debito per Italia

Kurz, Ue non può correre rischio debito per Italia

 
Manovra: Ue, deviazione senza precedenti nella storia

Manovra: Ue, deviazione senza precedenti nella storia

 
Conte, lettera Ue? Non c'è deviazione senza precedenti

Conte, lettera Ue? Non c'è deviazione senza precedenti

 
Eurobarometro: Tajani, su dati Italia non culliamoci su allori

Eurobarometro: Tajani, su dati Italia non culliamoci su...

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

i più letti

Clima: Italia e Spagna, salire a 35% rinnovabili-efficienza

Clima: Italia e Spagna, salire a 35% rinnovabili-efficienza

BRUXELLES - Nel Consiglio Ue energia Italia e Spagna si sono allineate alle richieste dell'Europarlamento di fissare target Ue del 35% al 2030 sia per quanto riguarda la quota di consumo di energie rinnovabili, sia per il risparmio energetico. "E' vero che due paesi importanti come Italia e Spagna oggi hanno le stesse posizioni dell'Europarlamento quanto agli obiettivi", ha sintetizzato la situazione il commissario Ue al clima e all'energia Miguel Arias Canete al termine della riunione dei ministri dei 28 a Lussemburgo. E anche se Roma e Madrid "non si sono pronunciate sui dettagli della proposta, che sono molti e molto complessi, questo", secondo il commissario, "potrebbe facilitare la ricerca di un compromesso da parte della presidenza" bulgara Ue di turno.

 

Mercoledì, infatti, è in programma un round di negoziati con l'Europarlamento che punta a essere quello decisivo per trovare un accordo sugli obiettivi Ue post 2020 su rinnovabili ed efficienza energetica. I capi di governo Ue nel 2014 avevano indicato un target di almeno il 27% per entrambi, ma nel corso di questi anni la Commissione Ue, che nel 2016 aveva proposto il 27% sulle rinnovabili e il 30% per l'efficienza energetica, ha raccomandato di alzare l'asticella perché il livello di investimenti nei due settori e le nuove tecnologie consentono di fare di più.

 

 

Suggerimento colto dall'Europarlamento che, dopo diversi ripensamenti, è arrivato a proporre il 35%. Il Consiglio resta però diviso "in quattro blocchi", ha spiegato Canete, con Paesi come Germania e Gran Bretagna a indicare la necessità di darsi obiettivi credibili e quelli di Visegrad fermi sulla proposta originaria della Commissione. "La discussione di oggi - è convinto lo spagnolo - è servita a chiarire i margini di manovra della presidenza" per il negoziato che comincerà nel pomeriggio mercoledì per proseguire fino a notte inoltrata. A dividere, però, sono non solo gli obiettivi al 2030, ma anche il come raggiungerli, dalle misure per l'autoconsumo di energia alle soglie per i biocarburanti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400