Venerdì 19 Ottobre 2018 | 06:42

Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

i più letti

Scontro Italia-Malta, Aquarius senza un approdo

Scontro Italia-Malta, Aquarius senza un approdo

ROMA - La nave Aquarius con a bordo 629 migranti soccorsi nelle ultime ore continua a vagare nel Mediterraneo senza un porto dove approdare. E' il risultato dello scontro tra Italia e Malta che si è consumato in giornata, dopo che il governo della Valletta ha risposto 'no' alla richiesta di Roma di accogliere in porto - in quanto più vicino "luogo sicuro" - la nave dell'ong Sos Mediterranee, che il ministro Salvini non ha autorizzato a sbarcare in Italia.

 

Al termine di un vertice di oltre tre ore a Palazzo Chigi, il premier Giuseppe Conte ha spiegato che il suo collega di Malta, Joseph Muscat, che ha contattato di persona in serata, "non ha assicurato alcun intervento, neppure in chiave umanitaria". "Si conferma l'ennesima indisponibilità di Malta, e dunque dell'Europa, a intervenire e a farsi carico dell'emergenza", ha detto Conte, sottolineando che "l'Italia si ritrova ad affrontare in totale solitudine l'emergenza immigrazione. Il regolamento di Dublino va radicalmente cambiato". Durissime le parole di Muscat, affidate a un Tweet: "Siamo preoccupati per la direzione presa dalle autorità italiane sull'Acquarius, che è in alto mare. Vanno manifestamente contro le leggi internazionali e rischiano di creare una situazione pericolosa per tutti quelli che sono coinvolti".

 

E ora che succede? "E' stato disposto l'invio di due motovedette con medici a bordo pronti a intervenire al fine di garantire la salute di tutti gli occupanti dell'Aquarius che dovessero averne necessità", dice sempre il presidente del Consiglio. Ma di accordare l'ingresso in un porto italiano, al momento, non se ne parla. Anche se la situazione non appare molto diversa da quella dell'altro ieri, quando La Valletta aveva impedito l'ingresso in porto della nave Seefuchs, in difficoltà e con 126 migranti: la nave, alla fine, è inevitabilmente approdata in Italia, a Pozzallo.

 

"Malta non può dire di no a qualsiasi richiesta di intervento", aveva attaccato Salvini, che ieri, in vari post accompagnati dall'hashtag #chiudiamoiporti, diventato trendtopic, ha rivendicato la linea della fermezza. "Nel Mediterraneo ci sono navi con bandiera di Olanda, Spagna, Gibilterra e Gran Bretagna, ci sono Ong tedesche e spagnole, c'è Malta che non accoglie nessuno, c'è la Francia che respinge alla frontiera, c'è la Spagna che difende i suoi confini con le armi, insomma tutta l'Europa che si fa gli affari suoi. Da oggi anche l'Italia comincia a dire NO al traffico di esseri umani, NO al business dell'immigrazione clandestina". Malta "non può continuare a voltarsi dall'altra parte quando si tratta di rispettare precise convenzioni internazionali in materia di salvaguardia della vita umana e di cooperazione tra Stati", scrivono in serata in un comunicato congiunto Salvini e il collega pentastellato Toninelli, delle Infrastrutture, da cui dipende la Guardia costiera. Ma La Valletta si smarca: "il nostro governo non è né l'autorità che coordina né ha competenza sul caso" dell'Aquarius, dice un portavoce del governo. "Il salvataggio è stato coordinato da Roma".

 

Nel comunicato dei due ministri si ribadisce la richiesta alla Valletta di "accogliere la Aquarius per un primo soccorso ai migranti a bordo", mentre nessun accenno viene fatto alla paventata chiusura dei porti italiani, ed anzi l'ultima frase - "Noi continueremo a salvare vite umane, altri restano nel torto" - suggerisce che l'Italia continuerà ad accogliere, se necessario. Sta di fatto, però, che nave Aquarius peregrina ancora nel Mediterraneo - attualmente viene localizzata a 27 miglia da Malta e a 35 dall'Italia - "senza nessuna indicazione - dicono da bordo - di dove approdare". Sulla nave di Sos Mediterranee c'è anche il personale di Medici senza frontiere, che sta assistendo i 629 migranti soccorsi in sei operazioni, tra cui una particolarmente complessa, con un gommone che si è rovesciato facendo cadere in mare le 40 persone che lo stipavano. Sull'Aquarius ci sono anche 123 minorenni non accompagnati, 11 bambini e 7 donne incinte.

 

"Non è pensabile", dice il personale della Ong, che la nave possa continuare per giorni la sua peregrinazione per mare. Anche perché, la preoccupazione principale di tutte le organizzazioni umanitarie, è che in questo contenzioso tra stati a rimetterci siano i migranti. "Oltre 750 morti nel Mediterraneo nel 2018: il salvataggio di vite in mare deve restare una priorità assoluta di ogni governo", ammonisce l'Unhcr, mentre il "timore" di Msf è che "ancora una volta la politica degli stati europei sia posta al di sopra delle vite delle persone".

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Manovra: Ue, deviazione senza precedenti nella storia

Manovra: Ue, deviazione senza precedenti nella storia

 
Conte, lettera Ue? Non c'è deviazione senza precedenti

Conte, lettera Ue? Non c'è deviazione senza precedenti

 
Eurobarometro: Tajani, su dati Italia non culliamoci su allori

Eurobarometro: Tajani, su dati Italia non culliamoci su allori

 
65% italiani favorevoli euro, ma i meno entusiasti nell'Ue

65% italiani favorevoli euro, ma i meno entusiasti nell'Ue

 
Dombrovskis, lettera entro settimana se servono informazioni

Dombrovskis, lettera entro settimana se servono informazioni

 
Juncker, deviazione Italia inaccettabile per altri

Juncker, deviazione Italia inaccettabile per altri

 
Gli alleati di Merkel crollano in Baviera, boom Verdi

Gli alleati di Merkel crollano in Baviera, boom Verdi

 
Libia: Mogherini, oggi opportunità Italia presentare Palermo

Libia: Mogherini, oggi opportunità Italia presentare Palermo

 

GDM.TV

Bari, video choc: ecco il baby boss di Japigia

Bari, il video choc del bambino boss di Japigia: «La madama mi fa un...»

 
Luca Turi diventa cittadino onorario di Durazzo: «Sono onorato»

Luca Turi diventa cittadino onorario di Durazzo: «Sono onorato»

 
Sanità, Emiliano visita gli ospedali e le Asl Bat: il video

Sanità, Emiliano visita gli ospedali e le Asl Bat: «Migliorata l'offerta»

 
Strage S.M. in Lamis, dopo un anno arrestato pregiudicato. Morirono i fratelli Luciani, innocenti

Strage S.M. in Lamis, un arresto. Morirono i fratelli Luciani, innocenti VD

 
Tap, la promessa di Di Battista: «Lo bloccheremo in 2 settimane»

Tap, la promessa di Di Battista: «Lo bloccheremo in 2 settimane»

 
Rapinano ufficio postale a Lucera, arrestati un 19enne e un 22enne di Cerignola

Rapinano ufficio postale a Lucera, arrestati un 19enne e un 22enne 

 
Gala Niaf a Washington: gli ospiti ballano la pizzica con Emiliano

Gala Niaf a Washington: gli ospiti ballano la pizzica con Emiliano

 
Alessandra Amoroso a Bari: lei firma le copie del disco, i fan cantano

Alessandra Amoroso a Bari: lei firma le copie del disco, i fan cantano in strada

 

PHOTONEWS