Domenica 12 Luglio 2020 | 17:17

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il giorno più lungo. «Pronti a fare la storia»

Bari, il giorno più lungo. «Pronti a fare la storia»

 

NEWS DALLE PROVINCE

Tarantosbarchi
MIgranti, in 100 arrivano all'hotspot di Taranto: arrestato tunisino irregolare sul territorio

Migranti, in 100 arrivano all'hotspot di Taranto: arrestato tunisino irregolare

 
Brindisinel Brindisino
Marijuana e hashish in casa: arrestato 46enne a S.Vito dei Normanni

Marijuana e hashish in casa: arrestato 46enne a S.Vito dei Normanni

 
MateraManutenzione
Matera, la vasca della Villa non più una palude

Matera, la vasca della Villa non più una palude

 
PotenzaCentro storico
Potenza, tavoli e locali all’aperto . La piazza rivive causa Covid

Potenza, tavoli e locali all’aperto. La piazza rivive dopo il Covid

 
Lecceil caso in salento
Otranto, «È un lupo oppure un cane inselvatichico?. Di certo è aggressivo e va preso quanto prima»

«È un lupo o un cane inselvatichito? Di certo è aggressivo e va preso quanto prima»: parla l'esperto

 
BatAmbiente
Barletta, «Illegalità diffusa sul fiume Ofanto»

Barletta, «Illegalità diffusa sul fiume Ofanto»

 
FoggiaSolidarietà
S. Severo, un fondo di solidarietà della Diocesi: da 400 a 700 euro per chi è in crisi

San Severo, un fondo di solidarietà della Diocesi: da 400 a 700 euro per chi è in crisi

 

i più letti

La Xylella pugliese non attacca la vite, 'libere' 26 varietà

La Xylella pugliese non attacca la vite, 'libere' 26 varietà

AJACCIO - Dall'Aglianico al Vermentino, sono 26 le varietà di vite che potrebbero presto tornare a essere liberamente commercializzate dall'area infetta da Xylella fastidiosa in Puglia. Con un progetto finanziato dalla Regione, i ricercatori dell'Istituto per la protezione sostenibile delle piante del Cnr di Bari hanno dimostrato in modo definitivo che il ceppo pugliese del batterio non attacca la vite. Lo studio, durato due anni, è stato presentato alla seconda conferenza europea sulla Xylella fastidiosa, organizzata da Efsa, in corso ad Ajaccio. La ricerca amplia quella che nel 2017 aveva permesso la deroga alle restrizioni Ue per la movimentazione di tre varietà (Negroamaro, Primitivo, Cabernet Sauvignon).

La vite è una specie che può essere contagiata da Xylella fastidiosa, come accade in California, dove procura danni stimati in circa 100 milioni di dollari l'anno. Per questo le regole Ue prevedono l'obbligo di un trattamento con acqua calda prima della commercializzazione delle piante, e delle loro parti, che provengono da zone infette. I risultati dei ricercatori sul ceppo pugliese, però, potrebbero essere la premessa per la 'liberazione' delle 27 varietà dall'obbligo della termoterapia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie