Martedì 23 Ottobre 2018 | 11:09

NEWS DALLA SEZIONE

Xylella: Fitto-De Castro, appello a governo e Regione Puglia

Xylella: Fitto-De Castro, appello a governo e Regione P...

 
Fondi Ue, al via progetto per migliorare collegamenti aerei Italia-Grecia

Fondi Ue, al via progetto per migliorare collegamenti a...

 
Pmi: 30 milioni per iniziative imprenditori in area Taranto

Pmi: 30 milioni per iniziative imprenditori in area Tar...

 
Fondi Ue: Emiliano, non abbandonare politiche coesione

Fondi Ue: Emiliano, non abbandonare politiche coesione

 
Fondi Ue: commissaria Cretu in Puglia

Fondi Ue: commissaria Cretu in Puglia

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

i più visti della sezione

i più letti

Xylella: Ue, Italia non ha notificato uso pesticida nocivo api

Xylella: Ue, Italia non ha notificato uso pesticida nocivo api

BRUXELLES  - Le autorità italiane avrebbero dovuto notificare alla Commissione europea l'inserimento di un pesticida soggetto a restrizioni nell'elenco delle sostanze potenzialmente utilizzabili contro la cicala vettore della xylella fastidiosa contenuto nel decreto del febbraio 2018 sulle misure di emergenza contro il batterio. E' quanto sottolinea una portavoce dell'Esecutivo Ue dopo un esposto presentato dal movimento politico europeo di Yanis Varoufakis Diem25 e l'associazione The Good Lobby.

 

 

 

 

In particolare, tra i principi attivi che il decreto autorizza per i trattamenti con pesticidi, ci sono l'imidacloprid, soggetto a restrizioni Ue dal 2013 perché nocivo per le api, e l'acetamiprid, il cui impiego è raccomandato con "misure per l'attenuazione dei rischi", mentre il provvedimento "non sembra includere analisi di tali rischi", si legge nel reclamo. Inoltre "non risulta che il decreto sia stato notificato alla Commissione", come previsto dalle norme Ue.

 

La lettera non è stata ancora ricevuta dall'Esecutivo, sottolinea una portavoce, ma la "Commissione è a conoscenza del fatto che nel decreto ministeriale" in questione "l'imidacloprid è elencato tra le sostanze che potrebbero essere usate" contro l'insetto vettore. "Tuttavia - prosegue - questo utilizzo richiederebbe innanzitutto un'autorizzazione specifica da parte delle autorità italiane, che non è stata ancora emessa, pertanto il suo uso è vietato. Esiste inoltre l'obbligo per le autorità italiane di notificare la misura alla Commissione". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400