Martedì 22 Giugno 2021 | 01:22

NEWS DALLA SEZIONE

Città metropolitane in prima linea per un'Unione verde ed equa

Città metropolitane in prima linea per un'Unione verde ed equa

 
Regioni Ue, l'Ue tuteli la pastorizia sostenibile

Regioni Ue, l'Ue tuteli la pastorizia sostenibile

 
Regioni Ue, occorre accelerare la diffusione della banda larga

Regioni Ue, occorre accelerare la diffusione della banda larga

 
Von der Leyen, al via emissioni Next Generation EU, raccolti 20mld

Von der Leyen, al via emissioni Next Generation EU, raccolti 20mld

 
Sassoli, serve un meccanismo Ue per il soccorso in mare

Sassoli, serve un meccanismo Ue per il soccorso in mare

 
E-commerce, tra Milano-Bologna la logistica va local

E-commerce, tra Milano-Bologna la logistica va local

 
Il Parlamento chiede la revoca dei brevetti dei vaccini

Il Parlamento chiede la revoca dei brevetti dei vaccini

 
Ok dal Parlamento per fondo riserva Brexit da 5 miliardi euro

Ok dal Parlamento per fondo riserva Brexit da 5 miliardi euro

 
Da Ue 492 progetti e 396 milioni di euro per progetti bici in Italia

Da Ue 492 progetti e 396 milioni di euro per progetti bici in Italia

 
Studio Ue-Espon, nei Pnrr mancano le grandi città

Studio Ue-Espon, nei Pnrr mancano le grandi città

 
Ecdc, Molise prima zona verde italiana in Ue

Ecdc, Molise prima zona verde italiana in Ue

 

Il Biancorosso

Calcio
Michele Mignani

Il Bari si affida a Mignani: è lui il nuovo allenatore

 

NEWS DALLE PROVINCE

Lecceil fenomeno
Lecce,  volontari croce rossa

Castro, sbarco di migranti vicino la grotta Zinzulusa

 
BariIl caso
Bari, allarme in città, tre donne picchiate

Bari, allarme in città, tre donne picchiate

 
MateraIl caso
Montalbano pronta a dire no alle scorie

Montalbano pronta a dire no alle scorie

 
PotenzaIl caso
Potenza, frenata sull’acqua cara

Potenza, frenata sull’acqua cara

 
TarantoIl fatto
Taranto, Bus in fiamme ai Tamburi

Taranto, bus in fiamme ai Tamburi

 
BrindisiIl fatto
Fasano, il navigatore «tradisce» camionista traffico in tilt

Fasano, il navigatore «tradisce» camionista traffico in tilt

 
Batil caso nella Bat
Andria, sicurezza, agricoltori nel mirino

Andria, sicurezza, agricoltori nel mirino

 
FoggiaIl caso
Foggia, gestione rifiuti tanti i nodi al pettine

Foggia, gestione rifiuti tanti i nodi al pettine

 

i più letti

Meno alcol e più acqua nel vino: l'ultima proposta di Bruxelles

Meno alcol e più acqua nel vino: l'ultima proposta di Bruxelles

Una nuova mina comunitaria rischia di compromettere il vino, principale voce dell'export agroalimentare nazionale che vale oltre 11 miliardi di euro. Togliere l'alcol e aggiungere acqua anche nelle denominazione di origine, è l'ultima trovata di Bruxelles per il settore enologico già sotto attacco con la proposta di introdurre etichette allarmistiche per scoraggiarne il consumo, previste nel "Piano d'azione per migliorare la salute dei cittadini europei". A lanciare l'allarme è Coldiretti, che ha reso noto i contenuti del documento della Presidenza del consiglio dei ministri Ue, in cui viene affrontata la pratica della dealcolazione parziale e totale dei vini. La proposta prevede di autorizzare nell'ambito delle pratiche enologiche l'eliminazione totale o parziale dell'alcol con la possibilità di aggiungere acqua. Una tegola che arriva in un momento difficile per il settore per sconta un crollo del 20% del consumi all'estero nel 2021.

"E' un mega inganno legalizzato per i consumatori che si ritrovano a pagare l'acqua come il vino - denuncia la Coldiretti - un prodotto nel quale vengono compromesse le caratteristiche di naturalità per effetto di un trattamento invasivo che interviene nel processo di trasformazione dell'uva".

L'introduzione della dealcolazione parziale e totale come nuove pratiche enologiche, secondo il presidente Ettore Prandini, "rappresenta un precedente pericolosissimo che metterebbe a rischio l'identità del vino italiano e europeo, anche perché la definizione naturale e legale del vino vigente in Europa prevede il divieto di aggiungere acqua". Tutto questo si inserisce in un contesto comunitario preoccupante per il settore, spiega Coldiretti, con la Commissione Ue che potrebbe eliminare addirittura il vino dai programmi di promozione dei prodotti agroalimentari magari proprio per favorire le nuove bevande annacquate.

La proposta di annacquamento va ad aggiungersi ad altre insidie da parte di Bruxelles, che ha già legalizzato l'aggiunta dello zucchero nei paesi del Nord Europa per aumentare la gradazione del vino; questo, nonostante lo zuccheraggio sia sempre stato vietato nei paesi del Mediterraneo, con l'Italia che ha combattuto contro un 'trucco di cantina' e per affermare la definizione di vino "quale prodotto interamente ottenuto dall'uva". Ma l'Ue ha dato anche il via libera anche al vino 'senza uva', ovvero ottenuto dalla fermentazione di frutta, dai lamponi al ribes, pratica enologica che, spiega la Coldiretti, altera la natura stessa enologica che per tradizione è solo quello interamente ottenuto dall'uva.      

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie