Giovedì 24 Settembre 2020 | 04:43

NEWS DALLA SEZIONE

Ue propone riforma spazio aereo, taglio 10% Co2

Ue propone riforma spazio aereo, taglio 10% Co2

 
Bielorussia: Borrell, non interferiamo, democrazia cuore Ue

Bielorussia: Borrell, non interferiamo, democrazia cuore Ue

 
Rete unica: Vestager, valutare se soggetto è indipendente

Rete unica: Vestager, valutare se soggetto è indipendente

 
Regioni Ue, bene von der Leyen, rivolgersi a territori

Regioni Ue, bene von der Leyen, rivolgersi a territori

 
Bielorussia: Pe ne discuterà lunedì con leader opposizione

Bielorussia: Pe ne discuterà lunedì con leader opposizione

 
Cirio, rafforzare Meccanismo Ue protezione civile

Cirio, rafforzare Meccanismo Ue protezione civile

 

Ue presenta piano per rafforzare azione sul clima

 
Clima: 150 grandi imprese, taglio emissioni Ue almeno 55%

Clima: 150 grandi imprese, taglio emissioni Ue almeno 55%

 
Sassoli, crescita non è solo Pil ma anche sostenibilità

Sassoli, crescita non è solo Pil ma anche sostenibilità

 
Eurozona: produzione industriale a luglio +4,1%

Eurozona: produzione industriale a luglio +4,1%

 
Brexit: von der Leyen, Regno Unito attui accordo recesso

Brexit: von der Leyen, Regno Unito attui accordo recesso

 

Il Biancorosso

NEWS DALLE PROVINCE

Batpost voto
Trani, con il Bottaro bis ecco il nuovo consiglio comunale

Trani, con il Bottaro bis ecco il nuovo consiglio comunale

 
Tarantola vertenza
Miattal Taranto, stop sciopero di domani: «C'è impegno ministro Patuanelli»

Mittal Taranto, stop sciopero di domani: «C'è impegno ministro Patuanelli»
«Nessun licenziato in Ilva As»

 
Foggiaemergenza contagi
Foggia, dipendente positivo Covid: chiuso Ufficio anagrafe

Foggia, dipendente positivo Covid: chiuso Ufficio anagrafe

 
Brindisiil provvedimento
Ostuni, truffava commercianti e imprenditori: 49enne arrestato dalla Ps

Ostuni, truffava commercianti e imprenditori: 49enne arrestato dalla Ps

 
Potenzala sentenza
Potenza, giornalista diffamata su Fb: funzionario Regione condannato a 1 anno e 6 mesi

Potenza, giornalista diffamata su Fb: funzionario Regione condannato a 1 anno e 6 mesi

 
Leccela svolta
Lecce, duplice omicidio, sospettato in Procura: è un 37enne di Aradeo

Lecce, duplice omicidio, interrogato sospettato: la Procura smentisce
Autopsia: «Ferocia omicida su donna»

 
BariAvvio anno scolastico
Scuola in Provincia di Bari: 110 nuove aule «anti Covid» e 75 cantieri in 25 Comuni

Scuola in Provincia di Bari: 110 nuove aule «anti Covid» e 75 cantieri in 25 Comuni

 
Materal'anniversario
Matera, quel 21 settembre che cambiò la nostra storia

Matera, quel 21 settembre che cambiò la nostra storia

 

i più letti

Corruzione: in Italia si sente colpita un'impresa su due

Corruzione: in Italia si sente colpita un'impresa su due

BRUXELLES - Un'azienda su due in Italia si sente colpita dalla corruzione: un dato che inserisce il nostro Paese tra i primi cinque in Ue per la percezione del fenomeno. Emerge dall'ultimo Eurobarometro pubblicato dalla Commissione Ue in occasione della giornata internazionale anti-corruzione. Secondo l'indagine, il 37% delle aziende Ue in media ritiene che la corruzione sia diffusa, un dato in calo rispetto 43% del 2013. Non è così però per le imprese italiane, che considerano la corruzione un problema in crescita, "serio" o "molto serio" nel 54% dei casi. A sentirsi colpite dal fenomeno sono soprattutto le imprese della Romania (88%), seguite da Malta (60%), Grecia (58%), Croazia (57%), e Italia. I tassi più bassi si registrano in Danimarca (5%), Estonia (9%) e Irlanda (11%).

Tra le pratiche legate alla corruzione che le imprese percepiscono come più diffuse, le italiane indicano al primo posto il fatto di favorire amici o parenti nelle attività lavorative (42%) e nelle istituzioni pubbliche (46%), opinione diffusa anche tra le imprese Ue a percentuali invertite (45 e 42%). A segnare un'ampia differenza tra l'Italia e il resto d'Europa sono invece la frode fiscale o il mancato pagamento dell'Iva, una pratica che il 40% delle imprese italiane considera diffusa (contro la media Ue del 30%), e il pagamento di tangenti (36%, contro il 23% Ue). Il 28% degli intervistati in Italia pensa inoltre che la corruzione abbia impedito alla propria azienda di vincere un appalto pubblico negli ultimi tre anni, un dato in linea con quello europeo (30%).

Anche per quanto riguarda le sanzioni per reati di corruzione, le imprese italiane mostrano sfiducia. Secondo il 59%, la corruzione non è punita adeguatamente (in Europa la pensa così il 48% degli intervistati), una percentuale che sale al 61% (e al 56% in Ue) se le accuse sono rivolte ad un alto funzionario.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie