Sabato 21 Settembre 2019 | 01:07

NEWS DALLA SEZIONE

Brexit: Juncker, l'Europa non perde mai la pazienza

Brexit: Juncker, l'Europa non perde mai la pazienza

 
Migranti: Ue ribadisce, centri detenzione Libia da chiudere

Migranti: Ue ribadisce, centri detenzione Libia da chiudere

 
Dombrovskis, rallentamento preoccupa, chi può spenda

Dombrovskis, rallentamento preoccupa, chi può spenda

 
Ue, nome dossier 'stile di vita europeo' resta

Ue, nome dossier 'stile di vita europeo' resta

 
Ciolos (RE): per ora M5S non può entrare in Renew Europe

Ciolos (RE): per ora M5S non può entrare in Renew Europe

 
'L'Europa sei tu', concorso per videomaker amatoriali

'L'Europa sei tu', concorso per videomaker amatoriali

 
Il 19 settembre scatta il terzo bando Ue per buoni wifi gratis ai comuni

Il 19 settembre scatta il terzo bando Ue per buoni wifi gratis ai comuni

 
Migranti: fonti, minisummit a Malta previsto il 23 settembre

Migranti: fonti, minisummit a Malta previsto il 23 settembre

 
Migranti: probabile nuova proroga per operazione Sophia

Migranti: probabile nuova proroga per operazione Sophia

 
Brexit: Bbc, governo punta al voto il 15 ottobre

Brexit: Bbc, governo punta al voto il 15 ottobre

 
Lagarde, Gualtieri ministro? Bene per Italia e Ue

Lagarde, Gualtieri ministro? Bene per Italia e Ue

 

Il Biancorosso

Il match di domenica
Bari, Schiavone out per derby con Francavilla

Bari, Schiavone out per derby con Francavilla

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl rapporto sanità
Umanizzazione ospedali, Bari sul podio con Santa Maria e San Paolo

Umanizzazione cure, Bari sul podio con Santa Maria e San Paolo

 
PotenzaLe assunzioni
Concorsi Arpab, assessore ai sindacati: non abbandonate il tavolo

Concorsi Arpab, assessore ai sindacati: non abbandonate il tavolo

 
FoggiaFinanziato dal Miur
Sanità, il robot «Mario» in corsia a Casa Sollievo: progetto di Exprivia

Sanità, la robotica in corsia e a casa: progetto di Exprivia

 
LecceUN 45enne
Racale, maltrattava la madre: dal divieto di stare a casa passa al carcere

Racale, maltrattava la madre: dal divieto di stare a casa passa al carcere

 
BrindisiDenunciato un uomo
Brindisi, usa abusivamente lampeggiante blu: «Lo facevo per l'autovelox»

Brindisi, usa abusivamente lampeggiante blu: «Lo facevo per l'autovelox»

 
MateraL'iniziativa
Matera 2019, un concerto fra i Sassi con il compositore della musica spettarla

Matera 2019, un concerto fra i Sassi con il compositore della musica spettarla

 
TarantoIl Riesame
Taranto, accolto ricorso ex Ilva: Altoforno 2 resterà acceso

Taranto, accolto ricorso ex Ilva: Altoforno 2 resterà acceso

 
BatL'inchiesta
Barletta, tangenti al carabinieri per l'appalto delle palazzina

Barletta, tangenti al carabinieri per l'appalto delle palazzine

 

i più letti

Fmi, Georgieva vince la corsa ma è polemica in Ue

Fmi, Georgieva vince la corsa ma è polemica in Ue

BRUXELLES - Sarà con tutta probabilità la bulgara Kristalina Georgieva a guidare il Fondo monetario internazionale dopo la partenza di Christine Lagarde per Francoforte a novembre. I ministri dell'economia della Ue l'hanno scelta come loro candidata preferendola all'olandese Jeroen Dijsselbloem, ma dopo una votazione tesa e contestata fino alla fine. La guerra tra Nord e Sud Europa ha segnato anche quest'ultima elezione, nonostante da scegliere stavolta ci fosse la guida di un'istituzione globale come il Fondo monetario e non un organismo europeo. Ma i due nomi rimasti in lizza dopo settimane di diplomazia, 24 ore di intensi contatti tra le capitali e un round ufficiale di votazione, descrivono bene la frattura che c'è nella Ue: l'ex presidente dell'Eurogruppo, Dijsselbloem, non è riuscito a trovare una maggioranza solida perché tutti i Paesi del Sud e dell'Est hanno preferito la sua avversaria Georgieva, che non si è 'compromessa' con le politiche di austerità arrivate dalla Troika in poi.

Ma la scelta non è stata semplice. Il Tesoro francese, che ha guidato il processo di selezione, aveva inviato ai 28 ministeri una mail con le istruzioni: il candidato si sarebbe votato a maggioranza qualificata come 'benchmark', e non come regola. Con la maggioranza qualificata, il vincitore doveva ottenere i voti del 55% dei 28 Stati membri, che rappresentano almeno il 65% della popolazione Ue. Nessuno dei due candidati ha centrato entrambi i criteri: la Georgieva ha ottenuto il 56% dei Paesi e il 57% della popolazione, mentre Dijsselbloem il 44% dei Paesi e il 43% della popolazione. Secondo fonti europee e francesi, la vittoria della Georgieva era comunque chiara, visto che la maggioranza qualificata non era una regola, ma solo un 'benchmark'. Ma i Paesi del Nord hanno contestato il risultato, chiedendo addirittura che si cambiassero le regole d'ingaggio considerando il peso dei Paesi in seno al Fmi e non alla Ue, criterio che avrebbe favorito l'olandese. Alla fine, però, di fronte alla pressione è stato lo stesso Dijsselbloem ad accettare il risultato, nonostante avesse dalla sua la Germania e tutti gli altri 'falchi'. Francia, Italia, Paesi del Sud e dell'Est hanno invece preferito l'avversaria. Immediate le congratulazioni del presidente dell'Eurogruppo Mario Centeno e di quello della Commissione Ue, Jean Claude Juncker. L'istituzione di Washington è stata storicamente diretta da un europeo, mentre agli Usa va la Banca Mondiale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie