Lunedì 26 Agosto 2019 | 03:50

NEWS DALLA SEZIONE

Brexit: Barnier, esamineremo proposte realistiche di Londra

Brexit: Barnier, esamineremo proposte realistiche di Londra

 
Italiani producono 489 kg di rifiuti l'anno, media Ue è 486

Italiani producono 489 kg di rifiuti l'anno, media Ue è 486

 
Fonti Ue, Tusk ha molto apprezzato l'operato di Conte

Fonti Ue, Tusk ha molto apprezzato l'operato di Conte

 
Groenlandia: Ue, sosteniamo posizione della premier danese

Groenlandia: Ue, sosteniamo posizione della premier danese

 
Brexit: Ue valuta 'non corrette' affermazioni lettera Johnson

Brexit: Ue valuta 'non corrette' affermazioni lettera Johnson

 
Intervento Juncker riuscito, ma non parteciperà al G7

Intervento Juncker riuscito, ma non parteciperà al G7

 
Iran: Ue, accogliamo con favore sforzi per allentare tensioni

Iran: Ue, accogliamo con favore sforzi per allentare tensioni

 
Brexit: firmata legge che cancella leggi Ue in Gran Bretagna

Brexit: firmata legge che cancella leggi Ue in Gran Bretagna

 
Eurozona: a luglio inflazione rallenta all'1%

Eurozona: a luglio inflazione rallenta all'1%

 
Spagna guida risposta a Salvini, migranti in 6 Paesi

Spagna guida risposta a Salvini, migranti in 6 Paesi

 
Dazi Ue sul biodiesel indonesiano, è sovvenzionato

Dazi Ue sul biodiesel indonesiano, è sovvenzionato

 

Il Biancorosso

IL PUNTO
Il Bari gioca la carta Schiavone ci sarà più qualità a centrocampo

Il Bari gioca la carta Schiavone
ci sarà più qualità a centrocampo

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceTragedia nel Salento
Si sente male mentre fa pesca subacquea: muore 56enne a Casalabate

Malore mentre fa pesca subacquea: muore 56enne a Casalabate

 
FoggiaTragedia nel Foggiano
Cade in mare da barca condotta dal marito: donna muore al largo di Foce Varano

Cade da barca condotta dal marito: donna muore al largo di Foce Varano

 
BariL'appuntamento
Distorsioni sonore: creatività e fantasia si incontrano ad Acquaviva

Distorsioni sonore: creatività e fantasia si incontrano ad Acquaviva

 
BatL'idea
Barletta, un mosaico a Canne per non dimenticare la storia

Barletta, un mosaico a Canne per non dimenticare la storia

 
MateraIncidente stradale
Tricarico, auto finisce contro il guard rail: 4 feriti, 3 sono gravi

Tricarico, auto finisce contro il guard rail: 4 feriti, 3 sono in gravi

 
BrindisiLa furia di un 53enne
Brindisi, la moglie lo lascia e lui distrugge i mobili: allontanato da casa

Brindisi, la moglie lo lascia e lui distrugge i mobili: allontanato da casa

 
PotenzaSanità
Potenza, al S. Carlo carenza di medici: colpa delle «porte girevoli»

Potenza, al S. Carlo carenza di medici: colpa delle «porte girevoli»

 
TarantoSanità
Castellaneta, chiuso il punto nascite in ospedale: bimbi trasferiti

Castellaneta, chiuso il punto nascite in ospedale: bimbi trasferiti

 

i più letti

Corte Ue, Facebook si impegni contro commenti diffamatori illeciti

Corte Ue, Facebook si impegni contro commenti diffamatori illeciti

BRUXELLES - "Facebook può essere costretta a ricercare e ad individuare tutti i commenti identici a un commento diffamatorio di cui sia stata accertata l'illiceità, nonché commenti equivalenti se provenienti dallo stesso utente". E' il parere dell'avocato generale della Corte Ue, Maciej Szpunar, le cui conclusioni non vincolano la Corte di giustizia, sul caso di Eva Glawischnig-Piesczek, deputata al Parlamento austriaco e presidente del gruppo dei Verdi, che ha chiesto ai giudici austriaci di emettere un'ordinanza cautelare nei confronti di Facebook per porre fine alla pubblicazione di un commento diffamatorio nei suoi confronti.

Un utente di Facebook aveva infatti condiviso, sulla sua pagina personale, un articolo della rivista di informazione austriaca online oe24.at intitolato "I Verdi: a favore del mantenimento di un reddito minimo per i rifugiati". Tale pubblicazione ha avuto come effetto di creare su Facebook un 'riquadro anteprima' del sito oe24.at, contenente il titolo e un breve riassunto dell'articolo, nonché una fotografia di Glawischnig-Piesczek. Tale utente ha inoltre pubblicato, a proposito del suddetto articolo, un commento degradante nei confronti di Glawischnig-Piesczek. Questi contenuti potevano essere consultati da qualsiasi utente di Facebook. Poiché Facebook non ha reagito alla sua richiesta di cancellare il suddetto commento, Glawischnig-Piesczek ha chiesto che venisse ordinato a Facebook di cessare la pubblicazione e/o diffusione di foto che la ritraggono. La Corte Suprema dell'Austria investita della controversia ha chiesto alla Corte di giustizia di interpretare in tale contesto la direttiva sul commercio elettronico.

Nelle sue conclusioni odierne, l'avvocato generale Szpunar ritiene che la direttiva sul commercio elettronico non osti a che un host provider che gestisce una piattaforma di social network, quale Facebook, sia costretto, mediante un provvedimento ingiuntivo, a ricercare e ad individuare, tra tutte le informazioni diffuse dagli utenti di tale piattaforma, le informazioni identiche a quella qualificata come illecita dal giudice che ha emesso tale provvedimento ingiuntivo. Nell'ambito del provvedimento ingiuntivo, l'host provider può anche essere costretto a ricercare e individuare le informazioni equivalenti a quella qualificata come illecita, ma unicamente tra le informazioni diffuse dall'utente che ha divulgato l'informazione di cui trattasi. L'avvocato generale precisa inoltre che nel caso di specie, il diritto dell'Unione invocato non disciplina la questione se Facebook possa essere costretta a rimuovere i commenti di cui trattasi a livello mondiale.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie