Martedì 21 Maggio 2019 | 21:10

NEWS DALLA SEZIONE

Europee: lanciata una app per orientare gli indecisi

Europee: lanciata una app per orientare gli indecisi

 
Macron, domenica il voto più importante dal 1979

Macron, domenica il voto più importante dal 1979

 
Verhofstadt a Salvini, spieghi i legami con Putin

Verhofstadt a Salvini, spieghi i legami con Putin

 
Europee: Navigatore elettorale aiuta a orientarsi nel voto

Europee: Navigatore elettorale aiuta a orientarsi nel voto

 
Sei esponenti del team Juncker in corsa per elezioni europee

Sei esponenti del team Juncker in corsa per elezioni europee

 
Sondaggio ora dà Farage al 35%, male Tory e Labour

Sondaggio ora dà Farage al 35%, male Tory e Labour

 
Europee: garante privacy Ue, protezione dati è essenziale

Europee: garante privacy Ue, protezione dati è essenziale

 
Studio, italiani temono crollo sistema politico

Studio, italiani temono crollo sistema politico

 
Bannon, i populisti prenderanno un terzo dei seggi

Bannon, i populisti prenderanno un terzo dei seggi

 
Oettinger, Merkel giochi un ruolo chiave in Ue

Oettinger, Merkel giochi un ruolo chiave in Ue

 
Maltempo: Cretu, usare di più fondi Ue per prevenire disastri

Maltempo: Cretu, usare di più fondi Ue per prevenire disastri

 

Il Biancorosso

IL PAGELLONE
Di Cesare e Floriano campionato topPiovanello l'under più in palla

Di Cesare e Floriano campionato top
Piovanello l'under più in palla

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceIngenti danni
Lecce, a fuoco villa di candidato Lega gestore di una spiaggia

Lecce, a fuoco villa di candidato Lega gestore di una spiaggia

 
MateraL'incidente
Montescaglioso, contro tra auto e moto: un morto

Montescaglioso, scontro tra auto e moto: muore un 30enne

 
HomeLa decisione
Bari, figlio di 2 donne: giudice dà l'ok alla trascrizione dell'atto di nascita

Bari, figlio di 2 donne, i giudici: «Ok a trascrizione atto di nascita»

 
TarantoI tubi scambiati
Morirono in 8 per scambio tubi in ospedale: reato va in prescrizione

Castellaneta, 8 morti in ospedale: il reato va in prescrizione

 
BrindisiIl comizio
Ostuni, botta e risposta tra Salvini e i contestatori: «Torna a casa» «Voi fischiate noi lavoriamo»

Ostuni, botta e risposta tra Salvini e contestatori: «Torna a casa» «Voi fischiate noi lavoriamo»

 
PotenzaComando provinciale
Controlli dei Carabinieri, sei denunciati nel Potentino

Controlli dei Carabinieri, sei denunciati nel Potentino

 
HomeLa visita
Cagnano Varano, Trenta balla la tarantella con le ballerine del Gargano

Cagnano Varano, Trenta balla la tarantella con le ballerine del Gargano

 

i più letti

Si scommette su addio May, referendum bis non è più tabù

Si scommette su addio May, referendum bis non è più tabù

ROMA - Il rebus della Brexit dopo l'oceanico corteo di sabato a Londra del popolo del remain torna a pesare sul destino della primo ministro Theresa May e si torna a parlare di una sua possibile uscita di scena, con indiscrezioni che tratteggiano anche scenari da 'coup'. E le immagini del 'popolo in piazza' - così come gli oltre cinque milioni di firme (è record) della petizione che chiede la revoca dell'articolo 50 - impongono intanto un'apertura all'idea di un secondo referendum che, pur tenendo conto di freni e lacci istituzionali, non sembra più un tabù. Almeno nelle parole del cancelliere dello Scacchiere Philip Hammond, secondo cui una seconda consultazione popolare "merita di essere considerata". Hammond è però altrettanto chiaro nell'instillare i dubbi sulla fattibilità di tale percorso. "Non sono certo ci sia una maggioranza in parlamento a sostegno di un secondo referendum - ha detto - ma è una posizione perfettamente coerente e merita di essere considerata". Mentre si dice certo che un cambio di leadership non aiuterebbe a superare l'impasse.

Eppure il 'balletto' è cominciato, con tanto di toto-nomi per i possibili successori di May: Michael Gove e David Lidington. Quest'ultimo il più accreditato nel resoconto di media britannici: di fatto numero due di Theresa May a Downing Street, di fede 'remainer' è stato ministro per l'Europa nel governo di David Cameron (quando tutto cominciò). E questo lo rende chiaramente inviso ai 'brexiteer', che pure su Gove però hanno riserve nonostante il suo impegno nella campagna per il Leave, ma alla luce della faida con Boris Johnson e il grande tradimento nella sfida per la leadership del partito Conservatore che poi vide prevalere Theresa May. Tutto prima però che il percorso verso il divorzio di Londra dall'Ue si ingarbugliasse fino a questo punto e così, a voler dar retta alla vulgata, persino i bookmaker vanno oltre e puntano su Gove e Lidington.

Ufficialmente si leva il consueto coro di smentite sul presunto ultimatum che fino a 11 membri del governo, stando al Sunday Times, avrebbero posto alla May, chiedendole di lasciare (o di fissare una data per la sua uscita di scena) in cambio del sostegno al suo accordo sull'uscita dall'Ue: dal 'no comment' di Downing Street fino a Lidington che nega di di avere alcuna ambizione di subentrare alla premier che, a suo avviso, "sta facendo un ottimo lavoro". Ma May ha intanto indetto una 'riunione di crisi' nella residenza in campagna del primo ministro (Chequers) con ministri e deputati Tory, fra cui Lidington, Gove e i 'brexiteers' Boris Johnson, Iain Duncan Smith e Jacob Rees-Mogg, in vista di un'altra settimana critica ma che rischia di concludersi con una altro nulla di fatto fra Westminster e Downing Street a ridosso del 29 marzo, la data per l'uscita del Regno Unito dall'Ue considerata ormai archiviata e sostituita dalle due possibilità dettate da Bruxelles: il 12 aprile senza l'approvazione dell'accordo o al più tardi il 22 maggio.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400