Lunedì 20 Maggio 2019 | 07:13

NEWS DALLA SEZIONE

Sondaggio ora dà Farage al 35%, male Tory e Labour

Sondaggio ora dà Farage al 35%, male Tory e Labour

 
Europee: garante privacy Ue, protezione dati è essenziale

Europee: garante privacy Ue, protezione dati è essenziale

 
Studio, italiani temono crollo sistema politico

Studio, italiani temono crollo sistema politico

 
Bannon, i populisti prenderanno un terzo dei seggi

Bannon, i populisti prenderanno un terzo dei seggi

 
Oettinger, Merkel giochi un ruolo chiave in Ue

Oettinger, Merkel giochi un ruolo chiave in Ue

 
Maltempo: Cretu, usare di più fondi Ue per prevenire disastri

Maltempo: Cretu, usare di più fondi Ue per prevenire disastri

 
Macron, al voto scelta tra costruire o distruggere

Macron, al voto scelta tra costruire o distruggere

 
Presidenti Stati Ue, votare per Unione forte

Presidenti Stati Ue, votare per Unione forte

 
Cdu critica il mancato sostegno di Orban a Weber

Cdu critica il mancato sostegno di Orban a Weber

 
Orban, Fidesz non sosterrà più Weber (Ppe)

Orban, Fidesz non sosterrà più Weber (Ppe)

 
Facebook, una war room contro disinformazione su elezioni Ue

Facebook, una war room contro disinformazione su elezioni Ue

 

Il Biancorosso

L'ALLENATORE
Cornacchini: "Daremo battaglia ad AvellinoDimostreremo di essere la squadra più forte"

Cornacchini: «Ad Avellino dimostreremo di essere la squadra più forte»

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceIn mattinata
Lecce, assalto al gazebo Lega in centro: una ragazza contusa. Martedì atteso Salvini

Lecce, assalto a gazebo Lega in centro: 17enne contusa. Salvini: vergogna

 
BatIl diretto
Ferrovie: l'Alta Velocità arriva a Barletta, due Frecciargento da e per Roma

Treni, a Barletta fermerà Bari-Roma. Mit: nuovi servizi su Alta velocità. Che non esiste

 
TarantoNel tarantino
Manduria, anziano pestato a morte da baby-gang: altri 4 minori indagati

Manduria, anziano pestato a morte: indagati altri 4 minori

 
FoggiaNel foggiano
Chieuti, uomo morì durante corsa buoi: animalisti chiedono lo stop a Emiliano

Chieuti, uomo morì durante corsa buoi: animalisti chiedono lo stop

 
Brindisinel brindisino
Latiano, crolla solaio di scuola in ristrutturazione: grave operaio

Latiano, crolla solaio di scuola in ristrutturazione: grave operaio

 
PotenzaA ripacandida
Si ustiona mentre accende il camino: grave un 20enne nel Potentino

Si ustiona mentre accende il camino: grave un 20enne nel Potentino

 

i più letti

Copyright: rush finale negoziato Ue, Italia insoddisfatta

Copyright: rush finale negoziato Ue, Italia insoddisfatta

BRUXELLES - Il negoziato finale tra Consiglio, Parlamento e Commissione Ue sulla riforma del copyright partirà la prossima settimana ma la strada per trovare un accordo non appare ancora spianata mentre il tempo utile per arrivare al varo del provvedimento entro la fine di questa legislatura sta per scadere. A sbloccare l'impasse che si era venuto a creare per una serie di veti incrociati è stato l'ok dato a maggioranza qualificata venerdì a tarda sera dai rappresentanti dei Paesi membri alla proposta negoziale presentata dalla presidenza di turno rumena dell'Ue. Il compromesso raggiunto, a quanto si è appreso, prevede tra l'altro la limitazione della responsabilità delle piccole piattaforme, un tema molto caro alla Germania e su cui Berlino ha trovato alla fine l'appoggio della Francia. Questo ha consentito alla presidenza rumena di avere, a maggioranza qualificata, luce verde per aprire il tavolo negoziale con le altre istituzioni Ue nonostante la posizione contraria dell'Italia e di altri nove Paesi (Belgio, Olanda, Lussemburgo, Polonia, Slovacchia, Malta, Svezia, Finlandia, Danimarca). Tutti, a vario titolo, ancora "insoddisfatti" della formulazione della proposta di direttiva, specie gli articoli 11 e 13. Martedì scorso il vice premier Luigi Di Maio aveva parlato di "segnali non incoraggianti" in arrivo da Bruxelles.

 

"La priorità per l'Italia - aveva ricordato il vice premier - è l'eliminazione della link tax e dei filtri diretti o indiretti sui contenuti caricati dagli utenti delle piattaforme, insieme ad un allargamento delle eccezioni al diritto d'autore che consenta lo sviluppo della data economy. Stiamo chiedendo in sede europea il cambiamento dei celebri articoli 11 e 13 della direttiva. La rete deve essere mantenuta libera e neutrale perche' si tratta di un'infrastruttura fondamentale per la libera espressione dei cittadini". A dirsi soddisfatto dell'intesa raggiunta è invece stato, a nome della presidenza di turno Ue, il ministro della Cultura rumeno Valer-Daniel Breaz. "La scorsa notte abbiamo raggiunto un risultato positivo", ha detto. "La nostra proposta di compromesso tiene conto degli interessi dei titolari dei diritti d'autore, degli artisti e dei creatori di contenuti, del bisogno di tutelare la competitività economia dell'Ue e della necessità di garantire ai cittadini l'accesso a contenuti culturali di alta qualità". Ora la trattativa passa al cosiddetto 'trilogo' (Consiglio, Parlamento e Commissione) che si svolgerà martedì o mercoledì a Strasburgo. Ma gli addetti ai lavori sottolineano che ormai il tempo per chiudere il negoziato è agli sgoccioli. Più o meno ci sono ancora dieci giorni utili, poi tutto sarà rimandato alla nuova legislatura che prenderà il via dopo le elezioni europee di maggio. Una prospettiva che preoccupa gli editori europei, secondo i quali l'approccio del Parlamento Ue all'articolo 11 (diritti degli editori) "propone una soluzione bilanciata ed applicabile per proteggere gli editori dall'uso selvaggio dei contenuti editoriali da parte dei servizi online in un ambiente digitale".

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400