Giovedì 13 Dicembre 2018 | 06:47

NEWS DALLA SEZIONE

Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

 
Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

 
Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

 
Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

 
Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

 
Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

 
Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

 
Riso: Comitato Ue si spacca su ripristino dazi

Riso: Comitato Ue si spacca su ripristino dazi

 
Raggiunta intesa Ue su norme 'antidumping' autotrasportatori

Raggiunta intesa Ue su norme 'antidumping' autotrasportatori

 
Avvocato Ue, Gran Bretagna può fermare Brexit unilateralmente

Avvocato Ue, Gran Bretagna può fermare Brexit unilateralmente

 
Manovra: ok Eurogruppo a opinione Commissione Ue

Manovra: ok Eurogruppo a opinione Commissione Ue

 

Riso: Comitato Ue si spacca su ripristino dazi

Riso: Comitato Ue si spacca su ripristino dazi

BRUXELLES - Il Comitato per il commercio Ue non si e' espresso, oggi a Bruxelles, né in favore né contro il ripristino dei dazi sulle importazioni in Europa di riso da Cambogia e Myanmar. In occasione della riunione 13 Paesi hanno votato a favore, otto contro e sette si sono astenuti. La Germania si è astenuta mentre la Francia ha votato a favore. In mancanza di una maggioranza qualificata, la palla torna ora alla Commissione europea. Lo si apprende da fonti comunitarie vicino al dossier. La 'non decisione' del Comitato Ue, spiegano fonti vicine al dossier, dà alla Commissione europea la possibilità di approvare la propria proposta, ossia di introdurre una clausola di salvaguardia sul riso importato da Cambogia e Myanmar. 

 

Al contrario, se nel Comitato europeo una maggioranza di Stati membri si fosse pronunciato contro, la decisione sarebbe stata bloccata. Questo non è avvenuto, lasciando quindi le mani libere alla Commissione europea di decidere. Del resto, solo un numero limitato di Stati membri produce riso ed è quindi interessato a ripristinare i dazi sul prodotto. E questo, nonostante che dall'indagine realizzata dalla Commissione europea, emerga che negli ultimi anni i produttori comunitari abbiano subito un rilevante danno economico dalle importazioni di riso dai due Paesi asiatici. Importanti volumi di prodotto sono infatti entrati in Europa a prezzi troppo bassi creando una concorrenza sleale nei confronti dei risicoltori europei ed in particolare italiani.

 

L'Italia è il maggiore produttore di riso tra i Paesi Ue con circa 230mila ettari seminati ed una produzione stabilmente superiore al milione e mezzo di tonnellate. In definitiva, osserva un esperto comunitario, la legislazione europea non permette un vuoto decisionale. Quindi, come è quasi sempre avvenuto con la decisione sugli Ogm, se gli stati membri non si pronunciano è tenuto a farlo l'Esecutivo Ue. Ora bisognerà solo attendere il via libera definitivo di Bruxelles.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400