Martedì 19 Marzo 2019 | 11:46

NEWS DALLA SEZIONE

La settimana della verità per la Brexit di Theresa May

La settimana della verità per la Brexit di Theresa May

 
Mogherini, annessione della Crimea alla Russia resta ferita aperta

Mogherini, annessione della Crimea alla Russia resta ferita aperta

 
Via della Seta: Financial Times, Italia valuta prestiti da banca Cina

Via della Seta: Financial Times, Italia valuta prestiti da banca Cina

 
Turchia: Ue, non ci sono progressi per liberalizzare visti

Turchia: Ue, non ci sono progressi per liberalizzare visti

 
Clima: Greta, 'non vogliamo speranze ma vostre azioni'

Clima: Greta, 'non vogliamo speranze ma vostre azioni'

 
Disabili: ok Eurocamera a nuove norme accessibilità servizi

Disabili: ok Eurocamera a nuove norme accessibilità servizi

 
Migranti: Eurocamera, più risorse per l'asilo e l'integrazione

Migranti: Eurocamera, più risorse per l'asilo e l'integrazione

 
Terrorismo: Tajani, non dobbiamo abbassare la guardia

Terrorismo: Tajani, non dobbiamo abbassare la guardia

 
Ue impone stop olio di palma in biodiesel entro 2030

Ue impone stop olio di palma in biodiesel entro 2030

 
Ambiente: accordo Ue su Programma Life post 2020

Ambiente: accordo Ue su Programma Life post 2020

 
Brexit: Parlamento Ue vara misure d'emergenza in caso 'no deal'

Brexit: Parlamento Ue vara misure d'emergenza in caso 'no deal'

 

Il Biancorosso

LE PAGELLE
Iadaresta aumenta il peso offensivoPozzebon grigio: neanche un tiro

Iadaresta aumenta il peso offensivo
Pozzebon grigio: neanche un tiro

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaIl rapporto banche.imprese
Sud arretra, l'Obi: ripresa tra 10 anni, a Potenza crescita zero

Sud arretra, l'Obi: ripresa tra 10 anni, a Potenza crescita zero

 
MateraDalla Finanza
Matera, sequestrati oltre 120mila prodotti non sicurti in un negozio

Matera, sequestrati oltre 120mila prodotti non sicurti in un negozio

 
BariPresi dai Cc
Putignano, fermati per controllo avevano coca e marijuana: in manette due incensurati

Putignano, fermati per controllo avevano coca e marijuana: in manette due incensurati

 
TarantoIncidente stradale
Scontro a Crispiano: muore una maestra di 46 anni, insegnava a Martina

Scontro a Crispiano: muore maestra 46enne. Altra vittima a Manduria

 
BatL'inchiesta di Lecce
Trani, magistrati arrestati, imprenditore denuncia: «Pagai per la libertà»

Trani, magistrati arrestati, imprenditore denuncia: «Pagai per la libertà»

 
BrindisiIn pieno centro
S.Pietro V.co, pitbull azzanna cavalla e cavaliere, feriti

S.Pietro V.co, pitbull azzanna cavalla e cavaliere, feriti

 
LecceBattuto Messuti
Primarie Centrodestra a Lecce, vince Saverio Congedo, coordinatore pugliese FdI

Primarie Centrodestra a Lecce, vince Saverio Congedo, di Fratelli d'Italia

 

Wto: riforma Ue-Cina su Organo appello per evitare blocco Usa

Wto: riforma Ue-Cina su Organo appello per evitare blocco Usa

BRUXELLES - L'Ue si 'allea' con la Cina per cercare di evitare la crisi del Wto su cui soffiano gli Usa, che stanno bloccando le nomine dei nuovi membri del suo Organo d'appello, incaricato della funzione centrale della risoluzione delle dispute. Arriverà così sul tavolo del Consiglio generale del Wto del 12 dicembre una doppia proposta, a cui hanno lavorato soprattutto Bruxelles e Pechino con il sostegno di altri Paesi tra cui India e Canada, per riformare il sistema di funzionamento dell'Organo d'appello incluso il meccanismo di nomina dei 'giudici' dei litigi commerciali. Tra un anno, infatti, arriverà a scadenza il mandato di ulteriori membri e, nell'attuale situazione di impasse provocata da Washington sul loro rinnovo, c'è il rischio di un collasso totale del sistema. 

 

La riforma resa nota oggi e che sarà formalmente presentata tra due settimane a Ginevra prevede due parti. La prima, presentata da Ue, Cina, Canada, India, Australia, Nuova Zelanda, Messico, Corea, Singapore, Islanda, Norvegia e Svizzera, riguarda il funzionamento dell'organo di appello, mentre la seconda, presentata da Ue, Cina e India, si occupa del meccanismo delle nomine dei suoi membri per aumentarne indipendenza e efficacia. 

 

Gli elementi chiave prevedono tempi certi di massimo 90 giorni per gli appelli sulle dispute commerciali, l'esclusione dai procedimenti dell'interpretazione della legislazione nazionale e delle questioni non necessarie a risolvere i litigi, incontri annuali sui trend giurisprudenziali e, infine, nuove regole per la nomina dei membri dell'Organo. Si propone che questi passino da 7 a 9 e che svolgano la loro funzione a tempo pieno e per un periodo da 6 a 8 anni, contro i 4 anni rinnovabili di altri 4 attuali, con un'apertura automatica della procedura di selezione quando un posto è vacante e la possibilità per i membri uscenti di prolungare il loro mandato per portare a termine i casi già aperti. "La funzione di organo di appello del sistema di risoluzione delle dispute del Wto si sta muovendo verso il baratro", e senza di questa "il mondo perderebbe un sistema che ha assicurato la stabilità nel commercio globale per decenni", ha avvertito la commissaria Ue al commercio Cecilia Malmstroem, invitando "tutti gli stati membri ad assumersi le loro responsabilità in modo eguale, impegnandosi in buona fede nel processo di riforma". 

 

Perché, spiega una fonte Ue, "serve l'impegno politico degli Usa, se questo c'è e c'è la volontà politica di negoziare dei Paesi è una questione che si può risolvere nell'arco di pochi mesi: sbloccare la situazione è il nostro obiettivo".

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400