Lunedì 10 Dicembre 2018 | 05:54

NEWS DALLA SEZIONE

Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

 
Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

 
Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

 
Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

 
Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

 
Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

 
Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

 
Riso: Comitato Ue si spacca su ripristino dazi

Riso: Comitato Ue si spacca su ripristino dazi

 
Raggiunta intesa Ue su norme 'antidumping' autotrasportatori

Raggiunta intesa Ue su norme 'antidumping' autotrasportatori

 
Avvocato Ue, Gran Bretagna può fermare Brexit unilateralmente

Avvocato Ue, Gran Bretagna può fermare Brexit unilateralmente

 
Manovra: ok Eurogruppo a opinione Commissione Ue

Manovra: ok Eurogruppo a opinione Commissione Ue

 

Agricoltura: in Italia soia e legumi bio da primato Ue

Agricoltura: in Italia soia e legumi bio da primato Ue

BRUXELLES - L'Italia è il principale produttore di soia nell'Ue ed è il Paese in cui negli ultimi tre anni è aumentata di più la superficie coltivata a legumi bio (+21%), nonché fa parte del club di 8 stati membri che producono più varietà riconosciute, circa 40 a livello Ue. E' il quadro che emerge dalla relazione della Commissione europea sullo sviluppo delle colture proteiche (come semi di colza e di girasole, soia, erba medica, fave, lenticchie). La relazione contiene inoltre alcune raccomandazioni per incrementare l'offerta di colture di cui c'è forte domanda in Europa, soprattutto per la produzione di mangimi, con 17 milioni di tonnellate importate ogni anno da Paesi extra-Ue. Seppure meno importante, il mercato alimentare delle colture proteiche registra una crescita a due cifre, trainata dalla domanda di alternative alla carne e ai latticini. Le colture proteiche presentano inoltre vantaggi ambientali, perché fissano l'azoto nei suoli riducendo il ricorso ai fertilizzanti e il loro impiego nella rotazione delle colture è in genere vivamente raccomandato.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400