Domenica 16 Dicembre 2018 | 20:43

NEWS DALLA SEZIONE

May, l'Ue disponibile ad altri chiarimenti su Brexit

May, l'Ue disponibile ad altri chiarimenti su Brexit

 
Migranti: Belgio, fuori da Schengen chi blocca Dublino

Migranti: Belgio, fuori da Schengen chi blocca Dublino

 
Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

 
Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

 
Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

 
Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

 
Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

 
Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

 
Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

 
Riso: Comitato Ue si spacca su ripristino dazi

Riso: Comitato Ue si spacca su ripristino dazi

 
Raggiunta intesa Ue su norme 'antidumping' autotrasportatori

Raggiunta intesa Ue su norme 'antidumping' autotrasportatori

 

Bilancio Ue: Pe chiede più fondi per infrastrutture

Bilancio Ue: Pe chiede più fondi per infrastrutture

BRUXELLES - Più fondi europei per realizzare i grandi progetti infrastrutturali chiave nei settori dei trasporti, energia e digitale con un occhio sul clima, per il prossimo bilancio Ue 2021-2027. E' la richiesta del Parlamento europeo, dove le commissioni industria e trasporti hanno votato a favore di un budget da quasi 44 miliardi per la Connecting Europe Facility nel prossimo bilancio pluriennale. Si tratta di 6 miliardi in più rispetto a quanto proposto dalla Commissione Ue. Di questi, 33,5 miliardi sono destinati ai trasporti (di cui 10 miliardi trasferiti dai fondi di coesione). Di questi, 5,7 miliardi dovranno andare a progetti per adattare le reti Ten-T al doppio uso civile e militare delle infrastrutture, nell'ottica dello sviluppo dell'Unione della difesa. Altri circa 7,7 miliardi andranno invece alle reti energetiche, inclusi progetti transfrontalieri in rinnovabili, e infine un po' meno di 3 miliardi per lo sviluppo della rete digitale. Ora l'intesa dovrà ricevere l'ok in plenaria, e poi per l'Europarlamento sarà possibile aprire già i negoziati con gli stati membri con l'obiettivo di adottare una decisione prima della fine dell'attuale legislatura europea.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400