Martedì 11 Dicembre 2018 | 02:14

NEWS DALLA SEZIONE

Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

 
Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

 
Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

 
Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

 
Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

 
Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

 
Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

 
Riso: Comitato Ue si spacca su ripristino dazi

Riso: Comitato Ue si spacca su ripristino dazi

 
Raggiunta intesa Ue su norme 'antidumping' autotrasportatori

Raggiunta intesa Ue su norme 'antidumping' autotrasportatori

 
Avvocato Ue, Gran Bretagna può fermare Brexit unilateralmente

Avvocato Ue, Gran Bretagna può fermare Brexit unilateralmente

 
Manovra: ok Eurogruppo a opinione Commissione Ue

Manovra: ok Eurogruppo a opinione Commissione Ue

 

Migranti: nuova proposta Ue per risolvere nodo sbarchi Sophia

Migranti: nuova proposta Ue per risolvere nodo sbarchi Sophia

BRUXELLES - Prosegue il negoziato sull'operazione europea Sophia, il cui mandato strategico scadrà a fine dicembre. Dopo mesi di discussioni, il Servizio europeo per l'azione esterna, che fa capo all'Alto rappresentante Federica Mogherini, ha presentato una nuova proposta sul tavolo del Comitato politico e di sicurezza (Cops) di ieri, per cercare di sciogliere l'unico vero nodo della trattativa, quello dei migranti salvati dalle navi della missione, che stando all'attuale piano operativo devono essere sbarcati tutti in Italia.

 

Secondo quanto si apprende da fonti diplomatiche europee, il nuovo documento prevede che sia il Centro nazionale di coordinamento del soccorso marittimo (Mrcc) a decidere il porto di sbarco, tenendo conto delle circostanze del salvataggio, e della necessità di liberare i mezzi in tempi rapidi, per un ritorno alla loro piena operatività; quindi, secondo i principi di efficienza e velocità. Tuttavia, nel caso di diatriba, come ultima risorsa, la proposta prevede che sia il Paese dell'Mrcc a mettere a disposizione uno dei propri porti per lo sbarco, a patto che si organizzi uno screening immediato dei migranti, ed una veloce redistribuzione, verso i Paesi volonterosi, di quanti hanno diritto all'asilo.

 

Al tavolo delle consultazioni, resta per il momento l'ostinazione di un gruppo di Paesi che insistono sulla necessità di trovare una soluzione nel quadro più ampio delle misure sulla migrazione, individuate al vertice europeo di giugno, come ad esempio le piattaforme regionali di sbarco e i centri controllati. Iniziative su cui però si registrano scarsi progressi. Tutti i Paesi che partecipano a Sophia hanno comunque espresso la volontà di far proseguire l'operazione, ma per il momento, la soluzione sembra ancora in alto mare.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400