Lunedì 19 Novembre 2018 | 22:57

NEWS DALLA SEZIONE

Giovani 'parlamentari' a Bruxelles, 'a maggio votiamo'

Giovani 'parlamentari' a Bruxelles, 'a maggio votiamo'

 
Riso: fonti Ue, verso maggioranza in favore ripristino dazi

Riso: fonti Ue, verso maggioranza in favore ripristino dazi

 
Merkel-Macron: avanti sul patto di Meseberg, ora risultati

Merkel-Macron: avanti sul patto di Meseberg, ora risultati

 
Brexit: negoziati Ue-Gb proseguono su documento per futuro

Brexit: negoziati Ue-Gb proseguono su documento per futuro

 
Brexit: Kurz, buona intesa per tutti. Westminster l'approvi

Brexit: Kurz, buona intesa per tutti. Westminster l'approvi

 
Migranti: nuova proposta Ue per risolvere nodo sbarchi Sophia

Migranti: nuova proposta Ue per risolvere nodo sbarchi Sophia

 
Parlamento Ue, risarcimenti più alti per i passeggeri dei treni

Parlamento Ue, risarcimenti più alti per i passeggeri dei treni

 
Asia Bibi: Tajani, sono ottimista sul suo futuro

Asia Bibi: Tajani, sono ottimista sul suo futuro

 
Ogm: scienziati Ue, aggiornare norme in base a nuove tecniche

Ogm: scienziati Ue, aggiornare norme in base a nuove tecniche

 
Brexit: Ue, viaggi brevi senza visti per cittadini britannici

Brexit: Ue, viaggi brevi senza visti per cittadini britannici

 
Germania: Seehofer cede, lascerà guida Csu e governo

Germania: Seehofer cede, lascerà guida Csu e governo

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

Maltempo: fonti, Bei lavora con Italia a prestito 800 milioni

Maltempo: fonti, Bei lavora con Italia a prestito 800 milioni

BRUXELLES - I servizi della Banca europea per gli investimenti (Bei) e il ministero dell'Ambiente stanno ancora lavorando sul finanziamento da 800 milioni per un grande piano di opere contro il dissesto idrogeologico. E' quanto si apprende in ambienti vicini alla Bei. La durata massima dei finanziamenti della Bei è di 25 anni, secondo simulazioni, il prestito permetterebbe all'Italia un risparmio anche superiore a 150 milioni di euro sulla spesa per interessi.

 

Secondo fonti raccolte a Bruxelles, il contratto per il prestito da 800 milioni di euro era già stato sottoscritto a dicembre 2017 con il ministero dell'Economia, mentre quello con il ministero dell'Ambiente (necessario per attivare l'erogazione del finanziamento) ha subito ritardi dovuti a lungaggini e rigidità, a livello tecnico, della vecchia gestione di governo.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400