Lunedì 21 Gennaio 2019 | 00:17

NEWS DALLA SEZIONE

Ue-Usa: Bruxelles propone avvio negoziati per stop dazi

Ue-Usa: Bruxelles propone avvio negoziati per stop dazi

 
Armi chimiche: verso sanzioni Ue, anche per caso Skripal

Armi chimiche: verso sanzioni Ue, anche per caso Skripal

 
Ue-19: Eurostat, l'inflazione annuale a dicembre cala a 1,6%

Ue-19: Eurostat, l'inflazione annuale a dicembre cala a 1,6%

 
Brexit: Barnier, se Regno Unito sposta paletti pronti a trattare

Brexit: Barnier, se Regno Unito sposta paletti pronti a trattare

 
Europee: sanzioni a partiti che violano dati personali in Ue

Europee: sanzioni a partiti che violano dati personali in Ue

 
Tajani, bene decisione Commissione Ue di imporre dazi su riso

Tajani, bene decisione Commissione Ue di imporre dazi su riso

 
Pe chiede più sostegno per imprese crisi da globalizzazione

Pe chiede più sostegno per imprese crisi da globalizzazione

 
Bruxelles propone di togliere unanimità per decisioni Ue su fisco

Bruxelles propone di togliere unanimità per decisioni Ue su fisco

 
Tajani, completare unione bancaria e mercato dei capitali

Tajani, completare unione bancaria e mercato dei capitali

 
Eurozona: surplus di 19 miliardi commercio internazionale a novembre

Eurozona: surplus di 19 miliardi commercio internazionale a novembre

 
Auto senza conducente, Eurocamera chiede norme su sicurezza

Auto senza conducente, Eurocamera chiede norme su sicurezza

 

Maltempo: fonti, Bei lavora con Italia a prestito 800 milioni

Maltempo: fonti, Bei lavora con Italia a prestito 800 milioni

BRUXELLES - I servizi della Banca europea per gli investimenti (Bei) e il ministero dell'Ambiente stanno ancora lavorando sul finanziamento da 800 milioni per un grande piano di opere contro il dissesto idrogeologico. E' quanto si apprende in ambienti vicini alla Bei. La durata massima dei finanziamenti della Bei è di 25 anni, secondo simulazioni, il prestito permetterebbe all'Italia un risparmio anche superiore a 150 milioni di euro sulla spesa per interessi.

 

Secondo fonti raccolte a Bruxelles, il contratto per il prestito da 800 milioni di euro era già stato sottoscritto a dicembre 2017 con il ministero dell'Economia, mentre quello con il ministero dell'Ambiente (necessario per attivare l'erogazione del finanziamento) ha subito ritardi dovuti a lungaggini e rigidità, a livello tecnico, della vecchia gestione di governo.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400