Martedì 20 Novembre 2018 | 19:19

NEWS DALLA SEZIONE

Euro: Tajani, messaggio chiaro a chi vuole Italia più povera

Euro: Tajani, messaggio chiaro a chi vuole Italia più povera

 
Manovra: Centeno, ancora dubbi, lo si vede sui mercati

Manovra: Centeno, ancora dubbi, lo si vede sui mercati

 
Brexit: fonti, oggi si punta chiudere dichiarazione su futuro

Brexit: fonti, oggi si punta chiudere dichiarazione su futuro

 
Fondi Ue: Cozzolino, è scontro su condizionalità post 2020

Fondi Ue: Cozzolino, è scontro su condizionalità post 2020

 
Giovani 'parlamentari' a Bruxelles, 'a maggio votiamo'

Giovani 'parlamentari' a Bruxelles, 'a maggio votiamo'

 
Riso: fonti Ue, verso maggioranza in favore ripristino dazi

Riso: fonti Ue, verso maggioranza in favore ripristino dazi

 
Merkel-Macron: avanti sul patto di Meseberg, ora risultati

Merkel-Macron: avanti sul patto di Meseberg, ora risultati

 
Brexit: negoziati Ue-Gb proseguono su documento per futuro

Brexit: negoziati Ue-Gb proseguono su documento per futuro

 
Brexit: Kurz, buona intesa per tutti. Westminster l'approvi

Brexit: Kurz, buona intesa per tutti. Westminster l'approvi

 
Migranti: nuova proposta Ue per risolvere nodo sbarchi Sophia

Migranti: nuova proposta Ue per risolvere nodo sbarchi Sophia

 
Parlamento Ue, risarcimenti più alti per i passeggeri dei treni

Parlamento Ue, risarcimenti più alti per i passeggeri dei treni

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

Corte Conti Ue, falliti programmi per rinnovabili innovative

Corte Conti Ue, falliti programmi per rinnovabili innovative

BRUXELLES - I due programmi europei per lo sviluppo di soluzioni commerciali per energie rinnovabili innovative e per il sequestro di carbonio, varati nel 2009 con obiettivi di spesa complessivi di 3,7 miliardi di euro (1,6 da bilancio Ue), non hanno raggiunto i risultati previsti. E' l'analisi dell'ultimo rapporto della Corte dei Conti Ue, con audit svolti in Germania, Spagna, Olanda, Polonia e Regno Unito. 

 

Un basso livello di interesse nei Paesi membri, la crisi economica che ha ridotto la propensione agli investimenti e il crollo del prezzo delle quote Co2, hanno contribuito a far sì che solo uno dei sei progetti dimostrativi previsti per la tecnologia del sequestro di carbonio fosse realizzato. Secondo il rapporto ha dato invece risultati positivi l'utilizzo dei fondi per lo sviluppo dell'eolico off-shore.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400