Lunedì 21 Gennaio 2019 | 00:04

NEWS DALLA SEZIONE

Ue-Usa: Bruxelles propone avvio negoziati per stop dazi

Ue-Usa: Bruxelles propone avvio negoziati per stop dazi

 
Armi chimiche: verso sanzioni Ue, anche per caso Skripal

Armi chimiche: verso sanzioni Ue, anche per caso Skripal

 
Ue-19: Eurostat, l'inflazione annuale a dicembre cala a 1,6%

Ue-19: Eurostat, l'inflazione annuale a dicembre cala a 1,6%

 
Brexit: Barnier, se Regno Unito sposta paletti pronti a trattare

Brexit: Barnier, se Regno Unito sposta paletti pronti a trattare

 
Europee: sanzioni a partiti che violano dati personali in Ue

Europee: sanzioni a partiti che violano dati personali in Ue

 
Tajani, bene decisione Commissione Ue di imporre dazi su riso

Tajani, bene decisione Commissione Ue di imporre dazi su riso

 
Pe chiede più sostegno per imprese crisi da globalizzazione

Pe chiede più sostegno per imprese crisi da globalizzazione

 
Bruxelles propone di togliere unanimità per decisioni Ue su fisco

Bruxelles propone di togliere unanimità per decisioni Ue su fisco

 
Tajani, completare unione bancaria e mercato dei capitali

Tajani, completare unione bancaria e mercato dei capitali

 
Eurozona: surplus di 19 miliardi commercio internazionale a novembre

Eurozona: surplus di 19 miliardi commercio internazionale a novembre

 
Auto senza conducente, Eurocamera chiede norme su sicurezza

Auto senza conducente, Eurocamera chiede norme su sicurezza

 

Web tax: Francia rilancia battaglia, domani Le Maire a Pe

Web tax: Francia rilancia battaglia, domani Le Maire a Pe

BRUXELLES - La Francia vuole rilanciare la battaglia sulla web tax nell'Ue, con l'obiettivo di riuscire a superare lo stallo tra i 28 e arrivare a chiudere all'Ecofin entro fine anno. E' l'intento della missione che il ministro francese delle finanze Bruno Le Maire farà domani all'Europarlamento in occasione della plenaria a Strasburgo, per ridare slancio al dossier. Le Maire incontrerà il presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani, il leader dell'Alde Guy Verhofstatd e dell'S&d Udo Bullman, oltre a partecipare a un'audizione delle commissioni europarlamentari affari economici e tassazione e a discutere con la commissaria al digitale Mariya Gabriel e con la collega alla concorrenza Margrethe Vestager, con cui terrà un dibattito pubblico con i cittadini. I lavori per giungere a un'intesa in sede di Ecofin per arrivare a far approvare la tassa sui giganti del web prima delle elezioni europee sono nelle mani della presidenza austriaca dell'Ue, che punta a portare di nuovo il dossier sul tavolo alla riunione di novembre e, se necessario, a dicembre. In materia fiscale serve infatti l'unanimità dei 28. Al momento l'unico Paese fortemente opposto, secondo quanto si apprende, è l'Irlanda, mentre il fronte nordico con Svezia, Danimarca e Finlandia è più flessibile e aperto al dialogo. Ambigua resta la posizione della Germania, preoccupata che questo sistema di tassazione possa avere effetti anche al di fuori dell'economia digitale e colpire il suo settore auto. Le linee della proposta di web tax sul tavolo per tassare i giganti del web - principalmente americani - non sono cambiate: questa riguarderebbe solo le grandi multinazionali con oltre 750 milioni di fatturato a livello internazionale e almeno 50 milioni in Europa. Secondo le stime, sarebbero quindi coinvolte sulle 150-160 società attive nell'Ue.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400