Mercoledì 23 Gennaio 2019 | 02:58

NEWS DALLA SEZIONE

Porzi alla guida Conferenza Assemblee legislative regioni Ue

Porzi alla guida Conferenza Assemblee legislative regioni Ue

 
Brexit: fronte anti-May prepara mozione per imporre rinvio

Brexit: fronte anti-May prepara mozione per imporre rinvio

 
Brexit: media, piano B May come piano A, ma senza backstop

Brexit: media, piano B May come piano A, ma senza backstop

 
Ue-Usa: Bruxelles propone avvio negoziati per stop dazi

Ue-Usa: Bruxelles propone avvio negoziati per stop dazi

 
Armi chimiche: verso sanzioni Ue, anche per caso Skripal

Armi chimiche: verso sanzioni Ue, anche per caso Skripal

 
Ue-19: Eurostat, l'inflazione annuale a dicembre cala a 1,6%

Ue-19: Eurostat, l'inflazione annuale a dicembre cala a 1,6%

 
Brexit: Barnier, se Regno Unito sposta paletti pronti a trattare

Brexit: Barnier, se Regno Unito sposta paletti pronti a trattare

 
Europee: sanzioni a partiti che violano dati personali in Ue

Europee: sanzioni a partiti che violano dati personali in Ue

 
Tajani, bene decisione Commissione Ue di imporre dazi su riso

Tajani, bene decisione Commissione Ue di imporre dazi su riso

 
Pe chiede più sostegno per imprese crisi da globalizzazione

Pe chiede più sostegno per imprese crisi da globalizzazione

 
Bruxelles propone di togliere unanimità per decisioni Ue su fisco

Bruxelles propone di togliere unanimità per decisioni Ue su fisco

 

Brexit: una marea umana a Londra per il referendum bis

Brexit: una marea umana a Londra per il referendum bis

LONDRA - Una fiumana di gente come a Londra non si vedeva da tempo: quasi 700.000 persone secondo gli organizzatori, almeno mezzo milione nelle stime dei media. Il popolo dei 'no Brexit' è sceso in strada sabato in forze nella capitale del Regno - da sempre roccaforte dei pro Remain - per invocare un secondo referendum: aggrappandosi al sogno d'una rivincita del voto di due anni fa e all'auspicio di poter ancora restare nell'Ue, sullo sfondo delle incertezze e dei contrasti che minacciano l'esito dei negoziati di divorzio fra il governo conservatore di Theresa May e Bruxelles. Partito da Hyde Park in una giornata di sole più da ottobrata romana che da autunno londinese, il corteo è sfilato per il centro della metropoli britannica fino a raggiungere Parliament Square, di fronte a Westminster. Dove ad arringare la folla hanno provveduto esponenti politici di vari partiti, dal sindaco laburista di Londra, Sadiq Khan, al leader dei LibDem, Vince Cable, e celebrità dello spettacolo o della cultura.

 

Ma i protagonisti veri sono stati coloro che hanno gonfiato il serpentone umano fra vessilli europei, cartelli colorati, slogan pungenti. Non solo sudditi di Sua Maestà, va detto, data la presenza visibile di migliaia di stranieri che sull'isola vivono (e che con la Brexit temono di vedere rimessi in discussione i loro diritti, a dispetto di tutte le rassicurazioni). E però soprattutto britannici: compresi molti giovani e giovanissimi che nel 2016 non avevano ancora 18 anni e oggi rappresentano una platea di nuovi elettori naturalmente euro-integrati, contrari fino al 90% - stando ad alcune rilevazioni - a una 'chiusura' delle frontiere destinata ad avere un impatto inevitabile sulle loro vite, ma sulla quale non hanno mai avuto voce in capitolo. I messaggi, indirizzati in prima battuta alla premier May (categoricamente contraria a qualunque idea di referendum bis) e ai Tory brexiteers alla Boris Johnson, hanno fatto sfoggio di fantasia: oscillando fra ironie, spirito combattivo, allarme e ira. Si è letto e sentito un po' di tutto, dal ricorrente 'Vogliamo il nostro Paese indietro' al più originale 'Brexit is bananas' (la Brexit è da fuori di testa) o al calembour sulla parola U-turn (inversione a U) trasformata senza cambiare pronuncia in Eu-turn: dove Eu sta ovviamente per European Union. I promotori, legati al movimento 'People's Vote' che fa campagna per "restituire la parola al popolo" dopo la fine del negoziato, hanno gridato al successo.

 

Un successo impossibile da negare - e riprodotto sul web dalla cascata d'adesioni all'ombra dell'hashtag #PeoplesVoteMarch - visti i numeri. Numeri che Scotland Yard evita di confermare, ma nemmeno smentisce, e a cui si aggiunge la forza delle immagini. Per ricordare in riva al Tamigi folle ancor più oceaniche bisogna in effetti risalire all'epoca della guerra in Iraq, quando a protestare contro il governo Blair il totale dei manifestanti giunse a superare quota un milione (senza peraltro riuscire a rovesciare i giochi). "Qui - ha sottolineato il sindaco Khan dal palco - non stiamo chiedendo un secondo referendum fine a se stesso, stiamo dicendo che quasi tutte le promesse fatte due anni fa non si sono concretizzate, poiché allora nessuno parlava di una 'cattiva Brexit' o di un no-deal. E che in queste circostanze la cosa più democratica da fare è tornare dal popolo britannico e dargli il diritto di dire se accetta o meno il risultato dei negoziati". Un'opzione che il rissoso governo May e il grosso dei Tories non mostrano del resto alcuna intenzione di accettare, malgrado la prova di forza della rumorosa piazza londinese. E alla quale lo stesso leader dell'opposizione laburista, Jeremy Corbyn, oggi assente, preferirebbe semmai le elezioni anticipate. Ma a cui comunque un flop negoziale con Bruxelles (desiderio inconfessato e inconfessabile della piattaforma 'People's Vote') potrebbe almeno aprire una chance. Non senza la speranza concreta, sondaggi alla mano, d'un risultato diverso dal 2016.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400