Martedì 11 Dicembre 2018 | 02:15

NEWS DALLA SEZIONE

Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

 
Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

 
Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

 
Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

 
Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

 
Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

 
Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

 
Riso: Comitato Ue si spacca su ripristino dazi

Riso: Comitato Ue si spacca su ripristino dazi

 
Raggiunta intesa Ue su norme 'antidumping' autotrasportatori

Raggiunta intesa Ue su norme 'antidumping' autotrasportatori

 
Avvocato Ue, Gran Bretagna può fermare Brexit unilateralmente

Avvocato Ue, Gran Bretagna può fermare Brexit unilateralmente

 
Manovra: ok Eurogruppo a opinione Commissione Ue

Manovra: ok Eurogruppo a opinione Commissione Ue

 

Il dramma dell'esodo dei migranti in una mostra foto al Parlamento Ue

Il dramma dell'esodo dei migranti in una mostra foto al Parlamento Ue

BRUXELLES - La testa di un bimbo profugo che si affaccia da una tenda in un campo, ma anche una marea umana di migranti in viaggio. Sono solo alcune immagini della mostra fotografica 'Exodos, Rotte migratorie, storie di persone, arrivi, inclusione', promossa dalla Regione Piemonte ed organizzata nei locali del Parlamento europeo a Bruxelles, su iniziativa dell'eurodeputato dem Daniele Viotti. "C'è qualcuno che pensa che in virtù del fatto che sono diminuiti gli sbarchi la questione migratoria sia risolta completamente, ma non è assolutamente così - sottolinea Viotti - e la vicenda Aquarius lo dimostra, come anche il fatto che noi non sappiamo cosa succede nei campi di 'concentramento' in Libia al sud".

 

Nei pannelli della mostra vengono ritratte - grazie ad una decina di fotografi piemontesi - le drammatiche odissee dei migranti, le loro rotte verso l'Europa, gli arrivi, gli ostacoli, le barriere, ma anche l'inclusione. Un viaggio dalla Siria alla giungla di Calais in Francia, dove si intrecciano delle storie di vita uniche.

 

Per dare un volto e un'anima a tanti migranti che troppo spesso sono considerati solo numeri. Immagini che parlano più di molte parole. Per un'Europa che costruisca ponti e non muri. Bella iniziativa @danieleviotti @PiedmontEU @monicacerutti #exodos pic.twitter.com/xzlg87FnzT

 

"La vicenda migratoria dobbiamo affrontarla sapendo che è una vicenda lunga negli anni, soprattutto in Africa cercando di togliere le ragioni delle migrazioni, come la povertà, la fame, la siccità e dunque aiutare queste popolazioni e questi Paesi a crescere - prosegue Viotti -. Ma la vicenda deve essere risolta anche qua con l'accoglienza, senza pensare che le migrazioni si possano fermare, l'uomo emigra da tutta la sua storia". Partita nel gennaio del 2017 la mostra è giunta alla sua ventesima tappa approdando a Bruxelles e ritraendo "un tema di attualità che può essere trasformato da problema a un momento di grande opportunità per la nostra comunità", ha aggiunto l'assessore all'Immigrazione della Regione Piemonte Monica Cerutti.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400