Mercoledì 12 Dicembre 2018 | 21:49

NEWS DALLA SEZIONE

Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

 
Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

 
Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

 
Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

 
Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

 
Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

 
Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

 
Riso: Comitato Ue si spacca su ripristino dazi

Riso: Comitato Ue si spacca su ripristino dazi

 
Raggiunta intesa Ue su norme 'antidumping' autotrasportatori

Raggiunta intesa Ue su norme 'antidumping' autotrasportatori

 
Avvocato Ue, Gran Bretagna può fermare Brexit unilateralmente

Avvocato Ue, Gran Bretagna può fermare Brexit unilateralmente

 
Manovra: ok Eurogruppo a opinione Commissione Ue

Manovra: ok Eurogruppo a opinione Commissione Ue

 

i più visti della sezione

Studio Confedilizia, tassazione indiretta non aiuta crescita

Studio Confedilizia, tassazione indiretta non aiuta crescita

BRUXELLES - Lo spostamento dalla tassazione diretta a quella indiretta non è necessariamente un fattore che aiuta la crescita: lo sostiene uno studio presentato da Confedilizia al Parlamento Ue, che contesta l'approccio diffuso tra le maggiori istituzioni internazionali come Fmi, Ocse e Commissione europea.

 

Da anni la Commissione Ue raccomanda all'Italia e ad altri di spostare il carico fiscale dal lavoro a consumi e proprietà ma, secondo lo studio, non ci sono "prove empiriche assolute" che ciò aiuterebbe la crescita. Anche perché in realtà tale indicazione è stata solo "parzialmente applicata" nei Paesi sviluppati. Un altro motivo è anche "una bassa elasticità della creazione di lavoro: se tasse più basse sul reddito da lavoro non hanno un impatto positivo sulla creazione di lavoro, ci aspettiamo un effetto sulla crescita scarso, se non nullo", si legge nello studio.

 

Gli analisti concludono che la tesi seguita da Fmi, Ocse e Ue ha prove statisticamente valide solo se si prende in considerazione il periodo 1971-2004. Ma se si adottano stime più caute e si estende il periodo di riferimento, i dati cambiano. Infine, lo studio rileva come esista un "significativo legame negativo" tra tasse sui beni immobili e crescita, "molto quando si valuta la fattibilità politica delle riforme economiche, perché gli elettori tengono molto di più agli effetti nel breve termine che sul lungo, specialmente in tempi di instabilità politica".

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400