Lunedì 17 Dicembre 2018 | 07:07

NEWS DALLA SEZIONE

May, l'Ue disponibile ad altri chiarimenti su Brexit

May, l'Ue disponibile ad altri chiarimenti su Brexit

 
Migranti: Belgio, fuori da Schengen chi blocca Dublino

Migranti: Belgio, fuori da Schengen chi blocca Dublino

 
Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

 
Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

 
Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

 
Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

 
Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

 
Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

 
Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

 
Riso: Comitato Ue si spacca su ripristino dazi

Riso: Comitato Ue si spacca su ripristino dazi

 
Raggiunta intesa Ue su norme 'antidumping' autotrasportatori

Raggiunta intesa Ue su norme 'antidumping' autotrasportatori

 

Brexit: Ue in pressing su Londra per dazi doganali evasi

Brexit: Ue in pressing su Londra per dazi doganali evasi

BRUXELLES - Con l'invio di un parere motivato, Bruxelles passa alla seconda e penultima fase nella sua procedura di infrazione contro Londra, per non aver messo a disposizione del bilancio dell'Ue dazi doganali, tra novembre 2011 e ottobre 2017, con perdite stimate in 2,7 miliardi di euro. La decisione è stata assunta su proposta del commissario europeo per il bilancio Gunther Oettinger, dando così ulteriore riprova (se già il negoziato sulla Brexit non bastasse) che l'Unione è attenta a proteggere i propri interessi.

 

La procedura era stata avviata nel marzo 2018, dopo che un rapporto dell'Olaf aveva svelato come gli importatori nel Regno Unito evadevano una grande quantità di dazi doganali, utilizzando fatture false. Ulteriori ispezioni della Commissione europea avevano poi confermato la vastissima portata del sistema di frode. Secondo Bruxelles inoltre, il Regno Unito ha violato anche la legislazione dell'Ue in materia di imposta sul valore aggiunto, con conseguenti ulteriori potenziali perdite per il bilancio dell'Unione.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400