Sabato 25 Maggio 2019 | 11:13

NEWS DALLA SEZIONE

Tribunale Ue respinge ricorso investitori greci contro Bce

Tribunale Ue respinge ricorso investitori greci contro Bce

 
Domani voto Gb, ritardi tagliano fuori espatriati

Domani voto Gb, ritardi tagliano fuori espatriati

 
Tusk e Verhofstadt, elettori Gb votino pro-remain

Tusk e Verhofstadt, elettori Gb votino pro-remain

 
Europee: lanciata una app per orientare gli indecisi

Europee: lanciata una app per orientare gli indecisi

 
Macron, domenica il voto più importante dal 1979

Macron, domenica il voto più importante dal 1979

 
Verhofstadt a Salvini, spieghi i legami con Putin

Verhofstadt a Salvini, spieghi i legami con Putin

 
Europee: Navigatore elettorale aiuta a orientarsi nel voto

Europee: Navigatore elettorale aiuta a orientarsi nel voto

 
Sei esponenti del team Juncker in corsa per elezioni europee

Sei esponenti del team Juncker in corsa per elezioni europee

 
Sondaggio ora dà Farage al 35%, male Tory e Labour

Sondaggio ora dà Farage al 35%, male Tory e Labour

 
Europee: garante privacy Ue, protezione dati è essenziale

Europee: garante privacy Ue, protezione dati è essenziale

 
Studio, italiani temono crollo sistema politico

Studio, italiani temono crollo sistema politico

 

Il Biancorosso

L'INTERVISTA
Bellinazzo.: "Il Bari in serie A un affareVarrebbe tra i 70 e gli 80 milioni di euro"

Bellinazzo: «Bari in serie A un affare tra i 70 e gli 80 mln di euro»

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaArrestato dai Cc
Melfi, era ai domiciliari ma spacciava: in cella 24enne

Melfi, era ai domiciliari ma spacciava: in cella 24enne

 
TarantoAl Comune
Taranto, ecco chi sono io nuovi assessori del Melucci-ter

Taranto, ecco chi sono i nuovi assessori del Melucci-ter

 
Speciale Elezioni 2019Verso il voto
Comunali, Decaro: «La nostra è una storia straordinaria: Bari è più moderna e europea»

Comunali, Decaro: «La nostra è una storia straordinaria: Bari è più moderna e europea»

 
LecceL'episodio domenica scorsa
Lecce, assalto a gazebo Lega: denunciati 5 uomini e 2 donne di area anarchica

Lecce, assalto a gazebo Lega: denunciati 5 uomini e 2 donne di area anarchica

 
BatNella Bat
Andria: molestie sessuali e foto osé a bimbo di 11 anni, arrestato 22enne

Andria: molestie sessuali e foto osé a bimbo di 11 anni, arrestato 22enne

 
BrindisiLa segnalazione
Brindisi: cous-cous a mensa, i genitori protestano

Brindisi: cous-cous a mensa, i genitori protestano

 
MateraSanità
Ospedale Tinchi, il nuovo assessore si vergogna: non è dignitoso

Ospedale Tinchi, nuovo assessore si vergogna: non è dignitoso

 

i più letti

Unhcr, Roma faccia meglio su arrivi, ma sbarchi siano condivisi

Unhcr, Roma faccia meglio su arrivi, ma sbarchi siano condivisi

 BRUXELLES - "Vedo molte liti nell'Ue. Ma occorre mantenere i nervi saldi, i numeri dei flussi sono calati. E' una situazione gestibile. Ma per organizzare la solidarietà bisogna essere realistici, non possiamo dire che saranno distribuiti in Ue tutti i migranti. Molti di quelli che arrivano non necessitano" asilo, "e vanno rimpatriati. L'inviato speciale dell'Unhcr per il Mediterraneo centrale Vincent Cochetel, in un'intervista all'ANSA, invita Roma a "gestire meglio gli arrivi, accelerando le procedure, così ci saranno rimpatri più veloci e decisioni più rapide per i rifugiati. Non è fantascienza, Frontex e Easo, possono aiutare. Non c'è motivo di inserire chi non ha bisogno di protezione internazionale in una procedura d'asilo per tre o quattro anni".

 

Cochetel boccia il triage a bordo delle navi, "non è la soluzione preferita perché abbiamo già provato, e non funziona bene", afferma, e allo stesso tempo sottolinea: "La legge del mare prevede lo sbarco delle persone salvate nel porto sicuro più vicino, ma non può essere sempre e solo in Italia. Non è sostenibile. Come abbiamo ripetuto più volte negli ultimi anni: i Paesi del Mediterraneo devono condividere la responsabilità". Per l'inviato speciale dell'Unhcr, anche i rimpatri sono "un punto chiave. Se non viene affrontato, mina il sistema d'asilo in Europa. Quindi occorre lavorarci. E rafforzare le frontiere esterne dell'Europa va bene - evidenzia - ma allo stesso tempo dobbiamo garantire protezione a chi ne ha bisogno". Cochetel lancia un allarme sulla situazione dei centri in Libia e invita l'Ue a restare vigile.

 

"Dall'inizio di questa settimana il personale dell'Unhcr non ha più accesso diretto ai centri di detenzione ufficiali, che sono circa 18 nell'area di Tripoli, e da due giorni non può più andare ai porti di sbarco dove vengono portati i migranti salvati. Uno dei nostri partner libici, l'ong Libaid è entrata in alcuni di questi centri, e ci ha detto che la situazione è davvero tragica". Sul vertice dei leader dei 28, che si è appena concluso a Salisburgo, commenta: "L'Unhcr vorrebbe un meccanismo di sbarchi su entrambe le sponde del Mediterraneo, ma non credo che i Paesi dell'Unione debbano aspettarsi di più da quelli del Nord Africa fino a quando non saranno capaci di trovare un accordo sugli sbarchi dei migranti, su procedure più veloci, e su una migliore distribuzione di quanti necessitano protezione". E anche rispetto ad una cooperazione con l'Egitto, si mostra piuttosto scettico: "In Egitto gli arrivi sono aumentati. Il Paese ospita più migranti di molti Stati dell'Ue, non credo sia realistico, chiedere di più".

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400