Lunedì 10 Dicembre 2018 | 20:58

NEWS DALLA SEZIONE

Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

 
Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

 
Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

 
Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

 
Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

 
Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

 
Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

 
Riso: Comitato Ue si spacca su ripristino dazi

Riso: Comitato Ue si spacca su ripristino dazi

 
Raggiunta intesa Ue su norme 'antidumping' autotrasportatori

Raggiunta intesa Ue su norme 'antidumping' autotrasportatori

 
Avvocato Ue, Gran Bretagna può fermare Brexit unilateralmente

Avvocato Ue, Gran Bretagna può fermare Brexit unilateralmente

 
Manovra: ok Eurogruppo a opinione Commissione Ue

Manovra: ok Eurogruppo a opinione Commissione Ue

 

La Ue dà la parola ai cittadini su obbligo origine prodotti

La Ue dà la parola ai cittadini su obbligo origine prodotti

BRUXELLES - L'importante battaglia che da anni sta portando avanti l'Italia in favore dell'indicazione dell'origine dei prodotti alimentari potrebbe essere vinta grazie alla decisiva spinta dei cittadini europei. La Commissione Ue ha infatti deciso oggi di dare luce verde alla raccolta delle firme a sostegno di un'iniziativa dei cittadini europei dal titolo 'Eat original! Unmask your food', 'Mangia originale, smaschera il tuo cibo'. L'obiettivo degli organizzatori, è ''imporre dichiarazioni di origine obbligatorie sui prodotti alimentari in modo di prevenire le frodi, tutelare la salute pubblica e garantire il diritto all'informazione dei consumatori''. Indirettamente questo significhera' anche proteggere i produttori europei riconoscendo loro gli alti standard di qualita' delle loro produzioni rispetto a quelle importate da Paesi terzi, che spesso solo all'apparenza sono simili.

 

Per avere voce in capitolo, gli organizzatori dovranno raccogliere nel corso di un anno - a partire dal prossimo 2 ottobre - un milione di firme in almeno sette Stati membri. Se la quota sarà raggiunta, spetterà poi alla Commissione Ue dare o di non dare seguito alla richiesta: in entrambi i casi dovrà giustificare la sua decisione. Secondo gli organizzatori si tratta di un'occasione unica per cercare di realizzare un obiettivo che non e' stato ancora completamente raggiunto. Anche se molti passi avanti sono stati fatti, come la decisione Ue del 2013 - a cui si e' giunti grazie anche al grande impegno del Parlamento europeo - di introdurre una nuova etichetta sull'origine o sulla provenienza di carni fresche, refrigerate o congelate, di maiale, pecora, capra e pollame oltre a quella gia' in vigore per la carne di manzo.

 

E' dal 2012 che i cittadini europei, con il Trattato di Lisbona, possono influire sulle decisioni dell'Europa, consultando online il 'Registro ufficiale sul diritto di iniziativa dei cittadini europei'.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400