Venerdì 22 Marzo 2019 | 11:39

NEWS DALLA SEZIONE

Ricerca: intesa Ue su funzionamento nuovo Horizon Europe

Ricerca: intesa Ue su funzionamento nuovo Horizon Europe

 
Juncker, possibile vertice straordinario su Brexit

Juncker, possibile vertice straordinario su Brexit

 
Fonti: Weber, Ppe pronto a proporre sospensione su Orban

Fonti: Weber, Ppe pronto a proporre sospensione su Orban

 
Europee: media, Bonino, Vestager, Verhofstadt candidati di Alde

Europee: media, Bonino, Vestager, Verhofstadt candidati di Alde

 
Brexit: misure emergenza Ue a salvaguardia Erasmus+

Brexit: misure emergenza Ue a salvaguardia Erasmus+

 
Corte Conti Ue, fare di più su cyber sicurezza

Corte Conti Ue, fare di più su cyber sicurezza

 
Oceani: Vella, Ue protegge oltre 10% aree marine e costiere

Oceani: Vella, Ue protegge oltre 10% aree marine e costiere

 
La settimana della verità per la Brexit di Theresa May

La settimana della verità per la Brexit di Theresa May

 
Mogherini, annessione della Crimea alla Russia resta ferita aperta

Mogherini, annessione della Crimea alla Russia resta ferita aperta

 
Via della Seta: Financial Times, Italia valuta prestiti da banca Cina

Via della Seta: Financial Times, Italia valuta prestiti da banca Cina

 
Turchia: Ue, non ci sono progressi per liberalizzare visti

Turchia: Ue, non ci sono progressi per liberalizzare visti

 

Il Biancorosso

LA NOTIZIA
Vi ricordate lo steward della Turris?Condannato a cinque anni di Daspo

Vi ricordate lo steward della Turris?
Condannato a cinque anni di Daspo

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariMusica
Sziget Festival: a Bari le selezioni per suonare a Budapest

Sziget Festival: a Bari le selezioni per suonare a Budapest

 
MateraBeni culturali
Matera, il Fai apre le porte dei siti poco fruibili

Matera, il Fai apre le porte dei siti poco fruibili

 
TarantoSerie D
Taranto calcio, revocata penalizzazione: la vetta è a -7

Taranto calcio, revocata penalizzazione: la vetta è a -7

 
LecceL'iniziativa
Salento, ecco i maratoneti spazzini: sport contro gli zozzoni

Salento, ecco i maratoneti spazzini: sport contro gli zozzoni

 
FoggiaL'omicidio
Mattinata, ammazzata a fucilate vicino casa boss del clan Romito

Mattinata, boss clan Romito fucilato vicino casa: forse faida fra rivali

 
PotenzaLa foto
Elezioni Basilicata, bufera su Trerotola: il candidato presidente del c.sinistra tesserato con Msi

Elezioni Basilicata, bufera su Trerotola: il candidato presidente del c.sinistra tesserato con Msi

 
BrindisiNel Brindisino
Trovati 2 escavatori nelle campagne: erano stati rubati a Lecce

Trovati 2 escavatori nelle campagne: erano stati rubati a Lecce

 
BatAnalisi e scenari
Commercio agroalimentare nella Bat: «l’export cresce poco»

Commercio agroalimentare nella Bat: «l’export cresce poco»

 

Corte Ue, mandato arresto europeo vale fin quando Gran Bretagna è in Unione

Corte Ue, mandato arresto europeo vale fin quando Gran Bretagna è in Unione

BRUXELLES - "La mera notifica, da parte di uno Stato membro, della propria intenzione di recedere dall'Unione non è una circostanza 'eccezionale' in grado di giustificare il rifiuto di eseguire o rinviare un mandato d'arresto europeo emesso da tale Stato". Così la Corte dell'Ue, in una delle sue prime sentenze sulla Brexit. "In mancanza di ragioni serie e comprovate di ritenere che la persona oggetto di tale mandato rischi di essere privata dei diritti riconosciuti dalla Carta e dalla decisione quadro a seguito del recesso dall'Unione dello Stato membro emittente, il mandato deve essere eseguito fintanto che tale Stato membro faccia parte dell'Unione", affermano i giudici di Lussemburgo. La decisione dei giudici si riferisce a due mandati d'arresto europei emessi dal Regno Unito nel 2016 nei confronti di un uomo, per omicidio, incendio doloso e violenza sessuale.

 

Il ricercato è stato arrestato in Irlanda, dove si trova in stato di custodia dal febbraio 2016. L'uomo si è apposto alla propria consegna al Regno Unito, per motivi fondati, tra l'altro, anche su questioni relative alla Brexit. Per questo l'Alta Corte irlandese si è rivolta alla Corte di giustizia europea per saper se, tenuto conto del fatto che il 29 marzo 2017 il Regno Unito ha notificato la propria intenzione di recedere dall'Unione, e data l'incertezza relativa agli accordi che interverranno dopo il suo recesso, essa debba rifiutare la consegna dell'uomo.

 

La Corte dell'Ue ha concluso che "la mera notifica, da parte di uno Stato membro, della propria intenzione di recedere dall'Unione non è una circostanza 'eccezionale' in grado di giustificare il rifiuto di eseguire un mandato di arresto europeo emesso da tale Stato membro".

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400