Mercoledì 23 Ottobre 2019 | 05:05

NEWS DALLA SEZIONE

Brexit: Juncker, prima ratifichi Londra poi toccherà al Pe

Brexit: Juncker, prima ratifichi Londra poi toccherà al Pe

 
Moscovici, non chiederemo nuova manovra

Moscovici, non chiederemo nuova manovra

 
Fondi Ue: Omarjee, Eurocamera prenda posizione contro tagli

Fondi Ue: Omarjee, Eurocamera prenda posizione contro tagli

 
Ue, Italia seconda per fondi ricevuti con il Piano Juncker

Ue, Italia seconda per fondi ricevuti con il Piano Juncker

 
Misure contro crisi del latte sotto la lente Corte conti Ue

Misure contro crisi del latte sotto la lente Corte conti Ue

 
Brexit: Sassoli a Tusk e Johnson, Pe pronto a votare accordo

Brexit: Sassoli a Tusk e Johnson, Pe pronto a votare accordo

 
Brexit: Verhofstadt, prima deve votare Gb, poi toccherà a Pe

Brexit: Verhofstadt, prima deve votare Gb, poi toccherà a Pe

 
Eurozona: Eurostat, a settembre inflazione in calo a 0,8%

Eurozona: Eurostat, a settembre inflazione in calo a 0,8%

 
Siria: Ue condanna Turchia, impegno Stati a stop armi

Siria: Ue condanna Turchia, impegno Stati a stop armi

 
Confindustria Ue a leader, mettere economie in ordine

Confindustria Ue a leader, mettere economie in ordine

 
Turchia: Austria, cancellare processo adesione a Ue

Turchia: Austria, cancellare processo adesione a Ue

 

Il Biancorosso

la partita
Il Bari fa indietro tutta: è un punto guadagnato

Il Bari fa indietro tutta: è un punto guadagnato

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariI disagi
Bari, tornelli al vecchio tribunale: code e attese, protesta avvocati

Bari, tornelli al vecchio tribunale: code e attese, protesta avvocati

 
LecceUN 22enne
Otranto, adesca minorenne sui social e la violenta: in cella

Otranto, adesca minorenne sui social e la violenta: in cella

 
TarantoA 8 giorni dal via
Taranto, il bluff facoltà di Medicina: Rettore Bari dice stop a lezioni

Taranto, il bluff facoltà di Medicina: Rettore Bari dice stop a lezioni

 
BrindisiDanni a impianto
Mesagne, nuova intimidazione a coop che gestisce terreni confiscati

Mesagne, nuova intimidazione a coop che gestisce terreni confiscati

 
BatIl caso
Trani, introduce droga e una spycam in carcere: arrestato agente penitenziario

Trani, introduce droga e una spycam in carcere: arrestato agente penitenziario

 
PotenzaSicurezza in città
Potenza, 20 «occhi elettronici» per contrastare lo spaccio davanti le scuole

Potenza, 20 «occhi elettronici» per contrastare lo spaccio davanti le scuole

 
MateraL'intervista
Matera, Mariolina Venezia svela la «sua» Imma Tataranni

Matera, Mariolina Venezia svela la «sua» Imma Tataranni

 

i più letti

Corte Ue, mandato arresto europeo vale fin quando Gran Bretagna è in Unione

Corte Ue, mandato arresto europeo vale fin quando Gran Bretagna è in Unione

BRUXELLES - "La mera notifica, da parte di uno Stato membro, della propria intenzione di recedere dall'Unione non è una circostanza 'eccezionale' in grado di giustificare il rifiuto di eseguire o rinviare un mandato d'arresto europeo emesso da tale Stato". Così la Corte dell'Ue, in una delle sue prime sentenze sulla Brexit. "In mancanza di ragioni serie e comprovate di ritenere che la persona oggetto di tale mandato rischi di essere privata dei diritti riconosciuti dalla Carta e dalla decisione quadro a seguito del recesso dall'Unione dello Stato membro emittente, il mandato deve essere eseguito fintanto che tale Stato membro faccia parte dell'Unione", affermano i giudici di Lussemburgo. La decisione dei giudici si riferisce a due mandati d'arresto europei emessi dal Regno Unito nel 2016 nei confronti di un uomo, per omicidio, incendio doloso e violenza sessuale.

 

Il ricercato è stato arrestato in Irlanda, dove si trova in stato di custodia dal febbraio 2016. L'uomo si è apposto alla propria consegna al Regno Unito, per motivi fondati, tra l'altro, anche su questioni relative alla Brexit. Per questo l'Alta Corte irlandese si è rivolta alla Corte di giustizia europea per saper se, tenuto conto del fatto che il 29 marzo 2017 il Regno Unito ha notificato la propria intenzione di recedere dall'Unione, e data l'incertezza relativa agli accordi che interverranno dopo il suo recesso, essa debba rifiutare la consegna dell'uomo.

 

La Corte dell'Ue ha concluso che "la mera notifica, da parte di uno Stato membro, della propria intenzione di recedere dall'Unione non è una circostanza 'eccezionale' in grado di giustificare il rifiuto di eseguire un mandato di arresto europeo emesso da tale Stato membro".

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie