Sabato 15 Dicembre 2018 | 00:49

NEWS DALLA SEZIONE

May, l'Ue disponibile ad altri chiarimenti su Brexit

May, l'Ue disponibile ad altri chiarimenti su Brexit

 
Migranti: Belgio, fuori da Schengen chi blocca Dublino

Migranti: Belgio, fuori da Schengen chi blocca Dublino

 
Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

 
Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

 
Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

 
Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

 
Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

 
Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

 
Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

 
Riso: Comitato Ue si spacca su ripristino dazi

Riso: Comitato Ue si spacca su ripristino dazi

 
Raggiunta intesa Ue su norme 'antidumping' autotrasportatori

Raggiunta intesa Ue su norme 'antidumping' autotrasportatori

 

Wto: Ue avanza idee riforma, sanzioni a chi non rispetta norme

Wto: Ue avanza idee riforma, sanzioni a chi non rispetta norme

BRUXELLES - Avanti su riforma e modernizzazione del Wto, con un nuovo approccio onnicomprensivo che prevede anche sanzioni per quei Paesi che non rispettano le regole, e le cui prime idee saranno presentate il 20 settembre a Ginevra in una riunione convocata dal Canada. E' l'iniziativa lanciata dalla commissaria Ue al commercio Cecilia Malmstroem, che ha sottolineato la necessità che vi siano "a bordo", Usa, Cina e anche India. Tre i pilastri delle idee Ue: l'aggiornamento delle regole del Wto, il rafforzamento del suo ruolo di monitoraggio per chi non ne rispetta le norme, e infine una soluzione per l'imminente stallo dell'organismo di appello che risolve le dispute, le cui nuove nomine sono bloccate dagli Usa. "Dobbiamo adattare il Wto alle nuove sfide", in particolare al digitale, ma anche "sanzioni a quei Paesi membri che in modo ripetuto vengono meno all'applicazione delle regole", ha detto la commissaria. Queste potrebbero includere "maggiori critiche anche pubbliche a livello politico" e una "limitazione dei diritti nella partecipazione alle procedure del Wto".

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400