Domenica 16 Dicembre 2018 | 16:09

NEWS DALLA SEZIONE

May, l'Ue disponibile ad altri chiarimenti su Brexit

May, l'Ue disponibile ad altri chiarimenti su Brexit

 
Migranti: Belgio, fuori da Schengen chi blocca Dublino

Migranti: Belgio, fuori da Schengen chi blocca Dublino

 
Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

 
Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

 
Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

 
Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

 
Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

 
Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

 
Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

 
Riso: Comitato Ue si spacca su ripristino dazi

Riso: Comitato Ue si spacca su ripristino dazi

 
Raggiunta intesa Ue su norme 'antidumping' autotrasportatori

Raggiunta intesa Ue su norme 'antidumping' autotrasportatori

 

Vestager: ineguaglianze non sono colpa del mercato unico

Vestager: ineguaglianze non sono colpa del mercato unico

BRUXELLES - "Non è colpa del mercato unico se ci sono ineguaglianze": così la commissaria Ue alla concorrenza, Margrethe Vestager, intervenendo oggi a Bruxelles in un evento organizzato da Politico in occasione dei venticinque anni del mercato unico. "Molto può essere fatto a livello degli Stati membri", sottolinea Vestager. "Tra i Paesi che beneficiano del mercato unico - spiega infatti la commissaria alla Concorrenza - ci sono enormi differenze in termini di uguaglianza. Le normative sono differenti per quanto riguarda l'accesso all'istruzione, alla sanità", mentre "le riforme del mercato del lavoro progrediscono lentamente" in tutta Europa. Secondo Vestager "non si parla abbastanza di che cosa i singoli Stati membri stiano facendo per sfruttare al meglio le soluzioni europee". La commissaria alla Concorrenza difende l'Unione europea: "Nessuno vuole essere copia degli Usa". L'Ue "è unica, perché riflette la nostra storia. Questo è il motivo per cui gli Stati membri non possono dire che è colpa del mercato unico se c'è più ineguaglianza, o se non c'è sufficiente accesso all'educazione, perché molto di tutto questo viene gestito a livello nazionale".

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400