Martedì 18 Dicembre 2018 | 16:13

NEWS DALLA SEZIONE

Eurozona, l'inflazione annuale a novembre scende a 1,9%

Eurozona, l'inflazione annuale a novembre scende a 1,9%

 
Eurozona: surplus di 14 mld commercio internazionale ad ottobre

Eurozona: surplus di 14 mld commercio internazionale ad ottobre

 
May, l'Ue disponibile ad altri chiarimenti su Brexit

May, l'Ue disponibile ad altri chiarimenti su Brexit

 
Migranti: Belgio, fuori da Schengen chi blocca Dublino

Migranti: Belgio, fuori da Schengen chi blocca Dublino

 
Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

 
Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

 
Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

 
Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

 
Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

 
Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

 
Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

 

Ungheria: presidenza Ue chiede opinione su voto Pe

Ungheria: presidenza Ue chiede opinione su voto Pe

BRUXELLES - La presidenza di turno austriaca dell'Ue, nel fine settimana, ha inviato una richiesta ai servizi legali del Consiglio, per avere un'opinione sulla validità del voto al Pe, con cui è stata attivata la procedura di infrazione sullo stato di diritto per l'Ungheria (art.7). In particolare si è chiesto se le astensioni debbano essere conteggiate come voto contrario. Lo si apprende da fonti europee. Budapest aveva fin da subito insistito sull'invalidità del voto perché, sostengono: "non c'era la maggioranza necessaria, cioè due terzi".

 

Secondo quanto spiegato, la richiesta di opinione è stata avanzata su iniziativa del vice cancelliere austriaco Heinz-Christian Strache, leader del partito di estrema destra Fpoe. Sebbene un punto sull'Ungheria, al consiglio Affari generali che si riunisce domani non sia previsto - anche perché il Consiglio europeo non ha ancora ricevuto la lettera con cui l'Eurocamera attiva formalmente la procedura dell'art.7 - si ritiene altamente probabile che la questione venga sollevata durante i lavori.

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400