Giovedì 24 Gennaio 2019 | 07:43

NEWS DALLA SEZIONE

Fondi Ue: Lezzi, follia bloccarli a chi viola norme bilancio

Fondi Ue: Lezzi, follia bloccarli a chi viola norme bilancio

 
Propaganda ostile, Eurocamera vuole una risposta forte

Propaganda ostile, Eurocamera vuole una risposta forte

 
Porzi alla guida Conferenza Assemblee legislative regioni Ue

Porzi alla guida Conferenza Assemblee legislative regioni Ue

 
Brexit: fronte anti-May prepara mozione per imporre rinvio

Brexit: fronte anti-May prepara mozione per imporre rinvio

 
Brexit: media, piano B May come piano A, ma senza backstop

Brexit: media, piano B May come piano A, ma senza backstop

 
Ue-Usa: Bruxelles propone avvio negoziati per stop dazi

Ue-Usa: Bruxelles propone avvio negoziati per stop dazi

 
Armi chimiche: verso sanzioni Ue, anche per caso Skripal

Armi chimiche: verso sanzioni Ue, anche per caso Skripal

 
Ue-19: Eurostat, l'inflazione annuale a dicembre cala a 1,6%

Ue-19: Eurostat, l'inflazione annuale a dicembre cala a 1,6%

 
Brexit: Barnier, se Regno Unito sposta paletti pronti a trattare

Brexit: Barnier, se Regno Unito sposta paletti pronti a trattare

 
Europee: sanzioni a partiti che violano dati personali in Ue

Europee: sanzioni a partiti che violano dati personali in Ue

 
Tajani, bene decisione Commissione Ue di imporre dazi su riso

Tajani, bene decisione Commissione Ue di imporre dazi su riso

 

Tlc: Corte Ue, sim con servizi preattivati sono pratica sleale

Tlc: Corte Ue, sim con servizi preattivati sono pratica sleale

BRUXELLES - Sim preimpostate con servizi già preattivati, come era stato il caso di quelle Wind e Vodafone, costituiscono una "pratica sleale", in particolare "aggressiva", in materia di concorrenza, in quanto costituiscono una "fornitura non richiesta". Lo ha stabilito la Corte di giustizia Ue, a cui si è rivolto il Consiglio di stato per sapere se si trattasse di una violazione delle norme Ue sulla concorrenza o di quelle sulle telecomunicazioni relative al servizio universale. Secondo i giudici di Lussemburgo, l'autorità responsabile per trattare il caso è quindi il garante per la concorrenza Agcm e non l'Agcom.

 

Il ragionamento seguito dalla Corte è infatti il seguente: quando il consumatore non è stato informato né dei costi dei servizi né tantomeno della loro preimpostazione e previa attivazione sulla carta sim che ha acquistato, "non si può ritenere che abbia liberamente scelto la fornitura di tali servizi". E, anche se non c'è contrasto sui diritti degli utenti finali tra la direttiva sulle pratiche commerciali sleali e quella sul servizio universale tlc, l'autorità nazionale competente è quindi l'Antitrust. Era stata infatti giustamente l'Agcm a multare Vodafone e Wind nel 2012.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400