Mercoledì 12 Dicembre 2018 | 01:14

NEWS DALLA SEZIONE

Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

 
Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

 
Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

 
Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

 
Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

 
Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

 
Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

 
Riso: Comitato Ue si spacca su ripristino dazi

Riso: Comitato Ue si spacca su ripristino dazi

 
Raggiunta intesa Ue su norme 'antidumping' autotrasportatori

Raggiunta intesa Ue su norme 'antidumping' autotrasportatori

 
Avvocato Ue, Gran Bretagna può fermare Brexit unilateralmente

Avvocato Ue, Gran Bretagna può fermare Brexit unilateralmente

 
Manovra: ok Eurogruppo a opinione Commissione Ue

Manovra: ok Eurogruppo a opinione Commissione Ue

 

i più visti della sezione

Brexit: Johnson contro May, con Ue ha issato bandiera bianca

Brexit: Johnson contro May, con Ue ha issato bandiera bianca

LONDRA - Nuovo, durissimo attacco alla linea negoziale di Theresa May sulla Brexit da parte del suo ex ministro degli Esteri, Boris Johnson, che dalle colonne del Daily Telegraph scrive oggi di una Gran Bretagna destinata a rimanere "con un pugno di mosche in mano" di fronte a Bruxelles.

 

Secondo Johnson, la svolta verso un divorzio relativamente soft delineata dalla premier a inizio estate in un burrascoso consiglio dei ministri nella residenza governativa di campagna di Chequers significa che Londra si presenta alla "battaglia" finale del negoziato sventolando "bandiera bianca". "Lo scandalo", a suo giudizio, non è "di aver fallito" su temi chiave come quello del futuro confine fra Irlanda e Irlanda del Nord, "ma di non aver neppure provato" a far valere le ragioni britanniche.

 

Per l'ex titolare del Foreign Office - dimessosi polemicamente dal governo Tory proprio dopo la riunione di Chequers, al pari di un altro 'brexiteer' duro e puro come David Davis - le forti obiezioni ribadite dal negoziatore europeo Michel Barnier contro "alcuni punti" del piano May sarebbero in effetti di facciata: "Ci possono essere alcune proposte che (a Bruxelles) pretendono di non amare, ma in realtà l'Ue ha già vinto tutte le partite più importanti", taglia corto.

 

Gelida per ora la reazione di Downing Street, dopo che giusto ieri la premier aveva difeso a spada tratta la sua strategia negando di essere disposta a fare "compromessi sull'interesse nazionale" del Regno Unito.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400