Lunedì 10 Dicembre 2018 | 03:22

NEWS DALLA SEZIONE

Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

 
Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

 
Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

 
Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

 
Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

 
Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

 
Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

 
Riso: Comitato Ue si spacca su ripristino dazi

Riso: Comitato Ue si spacca su ripristino dazi

 
Raggiunta intesa Ue su norme 'antidumping' autotrasportatori

Raggiunta intesa Ue su norme 'antidumping' autotrasportatori

 
Avvocato Ue, Gran Bretagna può fermare Brexit unilateralmente

Avvocato Ue, Gran Bretagna può fermare Brexit unilateralmente

 
Manovra: ok Eurogruppo a opinione Commissione Ue

Manovra: ok Eurogruppo a opinione Commissione Ue

 

Brexit: Barnier, accordo ottobre è possibile. Raab, ottimista

Brexit: Barnier, accordo ottobre è possibile. Raab, ottimista

BRUXELLES - "Io e Dominic pensiamo sia possibile raggiungere un accordo" sulla Brexit "al mese di ottobre, i tempi sono stretti ma è ancora possibile". Così il capo negoziatore Ue Michel Barnier dopo un incontro durato 6 ore con il suo omologo britannico Dominic Raab. "L'obiettivo finale è ottobre, ma se abbiamo bisogno di più tempo abbiamo questa flessibilità" per arrivare sino "a novembre al più tardi".

 

"Sono testardamente ottimista che un accordo sia a portata di mano" sulla Brexit, per cui "il nostro obiettivo resta il Consiglio europeo di ottobre". Così il segretario di stato britannico alla Brexit Dominic Raab, dopo l'incontro con il capo negoziatore Ue Michel Barnier, a chi gli chiedeva della possibilità di uno slittamento dei tempi e di un vertice Ue sulla Brexit a novembre.

 

"C'è urgenza di lavorare a un backstop" per garantire una frontiera soft tra Irlanda e Irlanda del Nord su cui "dobbiamo avere una soluzione dettagliata e operativa nell'accordo di uscita" dall'Ue, ha sottolineato Barnier. Il capo negoziatore Ue ha anche espresso "preoccupazione" sulla questione delle indicazioni d'origine protette nell'Ue. La Brexit, ha avvertito, "non può portare a una perdita di diritti" per i prodotti tutelati.

 

"Siamo pronti a una partnership ambiziosa con la Gran Bretagna" sulla sicurezza interna ma anche esterna, su cui c'è "un'ampia convergenza di vedute", e a una "partnership senza precedenti sulla difesa" e una "stretta cooperazione" su Galileo, il programma spaziale europeo, ha poi affermato Barnier, confermando così quanto detto ieri a Berlino e le intenzioni degli scorsi mesi. La cooperazione tra Ue e Londra in materia di sicurezza si baserà su "quattro pilastri", ossia lo scambio dell'intelligence, la cooperazione nell'applicazione del diritto, la cooperazione giudiziaria penale, e un partenariato contro il riciclaggio e i finanziamenti al terrorismo, oltre allo scambio delle banche dati di impronte digitali, passeggeri aerei, Dna, e veicoli. Raab ha quindi assicurato che sono stati fatti "progressi reali" sulle future relazioni. "La sicurezza dell'Ue è la sicurezza della Gran Bretagna", ha aggiunto. Barnier ha quindi annunciato che incontrerà di nuovo Raab "la prossima settimana". I due capo negoziatori si erano già incontrati martedì scorso, con una frequenza di scambi inedita rispetto al periodo in cui David Davis occupava il posto di Raab.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400