Mercoledì 12 Dicembre 2018 | 03:29

NEWS DALLA SEZIONE

Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

 
Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

 
Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

 
Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

 
Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

 
Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

 
Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

 
Riso: Comitato Ue si spacca su ripristino dazi

Riso: Comitato Ue si spacca su ripristino dazi

 
Raggiunta intesa Ue su norme 'antidumping' autotrasportatori

Raggiunta intesa Ue su norme 'antidumping' autotrasportatori

 
Avvocato Ue, Gran Bretagna può fermare Brexit unilateralmente

Avvocato Ue, Gran Bretagna può fermare Brexit unilateralmente

 
Manovra: ok Eurogruppo a opinione Commissione Ue

Manovra: ok Eurogruppo a opinione Commissione Ue

 

i più visti della sezione

Eurozona: Paesi del Nord spingono Unione mercati capitali

Eurozona: Paesi del Nord spingono Unione mercati capitali

BRUXELLES - Creare un'Unione dei mercati capitali, mantenendo però la responsabilità nazionale sulle finanze pubbliche: è questo l'obiettivo di otto paesi del Nord Europa, secondo quanto riporta il Financial Times. Il quotidiano britannico ha avuto modo di leggere un 'non-paper' presentato all'Ecofin del 13 luglio scorso da Paesi Bassi, Irlanda, Danimarca, Svezia, Finlandia e Baltici, per chiedere ai governi dell'Ue di progredire nella costruzione di un mercato dei capitali realmente integrato. I Paesi della cosiddetta 'neo-lega anseatica', termine usato dai diplomatici delle nazioni che ne fanno parte, hanno deciso di fare fronte comune per non finire schiacciati dall'asse franco-tedesco dopo la Brexit.

 

La linea è chiara: è necessario attenersi strettamente alle regole di bilancio e mantenere la responsabilità nazionale sulle finanze pubbliche. Un fronte opposto a quello del federalismo europeista, che fin qui avrebbe ottenuto il risultato di indebolire il progetto di riforma dell'eurozona del presidente francese Emmanuel Macron. I paesi riprendono un progetto lanciato nel 2016, che punta tra l'altro ad armonizzare le norme dell'Ue sulla bancarotta e a rimuovere gli ostacoli agli investimenti transfrontalieri.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400