Martedì 11 Dicembre 2018 | 14:24

NEWS DALLA SEZIONE

Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

 
Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

 
Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

 
Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

 
Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

 
Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

 
Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

 
Riso: Comitato Ue si spacca su ripristino dazi

Riso: Comitato Ue si spacca su ripristino dazi

 
Raggiunta intesa Ue su norme 'antidumping' autotrasportatori

Raggiunta intesa Ue su norme 'antidumping' autotrasportatori

 
Avvocato Ue, Gran Bretagna può fermare Brexit unilateralmente

Avvocato Ue, Gran Bretagna può fermare Brexit unilateralmente

 
Manovra: ok Eurogruppo a opinione Commissione Ue

Manovra: ok Eurogruppo a opinione Commissione Ue

 

Fondi Ue: via libera Consiglio a semplificazione norme

Fondi Ue: via libera Consiglio a semplificazione norme

BRUXELLES - Via libera dei ministri europei alla revisione e semplificazione delle regole sull'uso dei fondi strutturali Ue, il cosiddetto 'pacchetto Omnibus'. Il Consiglio ha dato il suo 'ok' al regolamento che modifica l'attuale quadro finanziario normativo e una serie di regole per i programmi pluriennali Ue che riguardano diversi settori, compresa la politica di coesione. Le nuove norme "renderanno la vita più facile a tutti", ha esultato il ministro delle finanze austriaco, Hartwig Loeger, a nome della presidenza di turno dell'Ue, "in particolare saranno i beneficiari minori dei fondi a godere dei miglioramenti, che includono accordi più semplici per i rimborsi".

 

Il Parlamento europeo ha approvato il testo il 5 luglio scorso. Il regolamento entrerà in vigore dal terzo giorno dopo la sua pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell'Unione, e verrà quindi applicato a partire dal periodo di programmazione in corso 2014-2020. Fra i cambiamenti introdotti, c'è una maggiore attenzione ai risultati piuttosto che alle verifiche delle spese e una semplificazione nei controlli. Inoltre, per i beneficiari sarà più semplice combinare diverse fonti di finanziamento e fondi.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400