Lunedì 18 Marzo 2019 | 16:28

NEWS DALLA SEZIONE

Via della Seta: Financial Times, Italia valuta prestiti da banca Cina

Via della Seta: Financial Times, Italia valuta prestiti da banca Cina

 
Turchia: Ue, non ci sono progressi per liberalizzare visti

Turchia: Ue, non ci sono progressi per liberalizzare visti

 
Clima: Greta, 'non vogliamo speranze ma vostre azioni'

Clima: Greta, 'non vogliamo speranze ma vostre azioni'

 
Disabili: ok Eurocamera a nuove norme accessibilità servizi

Disabili: ok Eurocamera a nuove norme accessibilità servizi

 
Migranti: Eurocamera, più risorse per l'asilo e l'integrazione

Migranti: Eurocamera, più risorse per l'asilo e l'integrazione

 
Terrorismo: Tajani, non dobbiamo abbassare la guardia

Terrorismo: Tajani, non dobbiamo abbassare la guardia

 
Ue impone stop olio di palma in biodiesel entro 2030

Ue impone stop olio di palma in biodiesel entro 2030

 
Ambiente: accordo Ue su Programma Life post 2020

Ambiente: accordo Ue su Programma Life post 2020

 
Brexit: Parlamento Ue vara misure d'emergenza in caso 'no deal'

Brexit: Parlamento Ue vara misure d'emergenza in caso 'no deal'

 
Eurocamera, ok nuove regole su Corpo europeo di solidarietà

Eurocamera, ok nuove regole su Corpo europeo di solidarietà

 
Brexit: Juncker, accordo per garanzie su backstop

Brexit: Juncker, accordo per garanzie su backstop

 

Il Biancorosso

LA PARTITA
Bari, l'attesa è finalmente finitaparte il rush finale del campionato

Bari, l'attesa è finalmente finita
parte il rush finale del campionato

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariCantiere fino al 2020
Nuova ferrovia Bari-Torre a Mare: da domani iniziano i lavori in Tangenziale

Nuova ferrovia Bari-Torre a Mare: da domani iniziano i lavori in Tangenziale

 
MateraL'operazione della polizia
Sequestrati a Policoro 70 kg di bianchetto: una denuncia

Sequestrati a Policoro 70 kg di bianchetto: una denuncia

 
TarantoLotta alla droga
Manduria, nascondeva mezzo chilo di eroina in ufficio: arrestato

Manduria, nascondeva mezzo chilo di eroina in ufficio: arrestato

 
PotenzaI controlli
Evadevano il fisco per 120mila euro: scoperti in 2 a Maratea

Evadevano il fisco per 120mila euro: scoperti in 2 a Maratea

 
BatL'inchiesta di Lecce
Trani, magistrati arrestati, imprenditore denuncia: «Pagai per la libertà»

Trani, magistrati arrestati, imprenditore denuncia: «Pagai per la libertà»

 
FoggiaHa 40 anni
Foggia, arrestato pakistano: dal 2014 era ricercato per omicidio

Foggia, arrestato pakistano: dal 2014 era ricercato per omicidio

 
BrindisiIn pieno centro
S.Pietro V.co, pitbull azzanna cavalla e cavaliere, feriti

S.Pietro V.co, pitbull azzanna cavalla e cavaliere, feriti

 
LecceBattuto Messuti
Primarie Centrodestra a Lecce, vince Saverio Congedo, coordinatore pugliese FdI

Primarie Centrodestra a Lecce, vince Saverio Congedo, di Fratelli d'Italia

 

Corte Conti Ue contro flessibilità Italia, debito resta

Corte Conti Ue contro flessibilità Italia, debito resta

BRUXELLES - La flessibilità concessa dalla Commissione Ue, di cui l'Italia è la maggior beneficiaria, non si è limitata al periodo di crisi e si è rivelata "eccessiva": è quanto sostiene la Corte dei Conti Ue nel rapporto che analizza la 'discrezionalità' che Bruxelles ha rivendicato nel giudizio dei conti pubblici, e che molto ha aiutato l'Italia a restare in linea con le regole Ue. Secondo la Corte, servirebbero "norme più rigide per i Paesi fortemente indebitati" perché tutte le concessioni non hanno fatto calare il debito.

 

"Le disposizioni in materia di flessibilità introdotte dalla Commissione non sono limitate al periodo di crisi e nella pratica si sono rivelate eccessive", ha detto Neven Mates, membro della Corte dei conti europea responsabile del rapporto. "Di conseguenza, nel periodo di ripresa ed espansione (2014-2018), i saldi strutturali in diversi Paesi fortemente indebitati hanno deviato rispetto agli obiettivi di medio termine oppure vi si sono avvicinati a un ritmo talmente lento che non garantisce un miglioramento sostanziale prima della prossima contrazione economica", ha aggiunto. In particolare Italia e Spagna preoccupano la Corte: "Hanno registrato un consistente deterioramento del saldo strutturale", sono "lontane dall'obiettivo di medio termine", cioè il pareggio strutturale di bilancio, e "non hanno realizzato progressi nella riduzione del debito, nonostante l'espansione delle rispettive economie". Inoltre, gli esperti spiegano che l'eccessiva discrezionalità mina tutto l'impianto del Patto.

 

La Corte ha rilevato, ad esempio, che i margini concessi per le riforme strutturali non sono collegati ai costi effettivi di tali riforme, ma sono usati dalla Commissione come "strumento incentivante". Un utilizzo che "non è contemplato dal regolamento". Inoltre, alcune spese preventive erano state autorizzate ex ante (come il piano Casa Italia per mettere in sicurezza gli edifici pubblici nel 2017), nonostante ciò fosse in contrasto con il principio sancito nel Vademecum del Patto di Stabilità che le spese debbano essere direttamente connesse all'evento. Per la Corte, le spese di Casa Italia "avrebbero dovuto essere considerate non ammissibili in quanto non direttamente collegate all'effettivo evento". Inoltre, quando Bruxelles nelle raccomandazioni di maggio 2017 dichiarava che avrebbe valutato i conti italiani usando la sua "discrezionalità" e "alla luce della situazione del ciclo", ha "ridotto la credibilità" dei requisiti fissati dalle regole. E quando, sempre nel maggio 2017, ha autorizzato la deviazione, "non ha valutato in modo trasparente se tutte le riforme presentate dal programma nazionale di riforma (Pnr) del 2015 dell'Italia, e per le quali era stata richiesta la flessibilità, fossero state pienamente attuate". Anzi, nella relazione per Paese 2017, alcune riforme sono indicate come "non attuate" (come il disegno di legge del 2015 in materia di concorrenza).

 

Come conseguenza di queste concessioni, in Italia, Francia e Spagna gli aggiustamenti strutturali sono stati notevolmente al di sotto dei requisiti della 'matrice' (ovvero le regole della flessibilità scritte nella comunicazione della Commissione). E "questo ritmo di progressione non faciliterà il conseguimento degli obiettivi in un tempo ragionevole". La Corte quindi chiede alla Commissione di "risolvere il problema delle continue deviazioni dal percorso di aggiustamento richiesto nel corso di più anni", e di "prevedere norme più rigide per gli Stati membri fortemente indebitati". Inoltre, nelle raccomandazioni specifiche per Paese dovrebbe inserire "richieste esplicite, con una spiegazione chiara delle motivazioni e dei rischi in caso di inadempienza".

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400