Martedì 11 Dicembre 2018 | 17:27

NEWS DALLA SEZIONE

Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

Lavoro: intesa 28 su creazione nuova Agenzia Ue ad hoc

 
Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

Corte Ue, lauree contemporanee vanno sempre riconosciute

 
Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

Bce: Ue, ok finale a Enria a capo supervisione bancaria

 
Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

Npl: Tajani, proposta votata da Pe assicura maggiore stabilità

 
Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

Dieta Med: una 'giornata europea' può allungare la vita

 
Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

Ok finale a nuovo Codice Ue tlc, in vigore da 20 dicembre

 
Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

Avramopoulos, migliaia vittime tratta in Ue, 44% è europeo

 
Riso: Comitato Ue si spacca su ripristino dazi

Riso: Comitato Ue si spacca su ripristino dazi

 
Raggiunta intesa Ue su norme 'antidumping' autotrasportatori

Raggiunta intesa Ue su norme 'antidumping' autotrasportatori

 
Avvocato Ue, Gran Bretagna può fermare Brexit unilateralmente

Avvocato Ue, Gran Bretagna può fermare Brexit unilateralmente

 
Manovra: ok Eurogruppo a opinione Commissione Ue

Manovra: ok Eurogruppo a opinione Commissione Ue

 

Tajani, Ue deve rafforzare la sua azione in Africa

Tajani, Ue deve rafforzare la sua azione in Africa

STRASBURGO - "L'Unione europea deve rafforzare la sua azione in Angola e, più in generale, in tutto il continente africano". Lo ha affermato il presidente del Parlamento europeo, Antonio Tajani, a conclusione del suo incontro con il presidente dell'Angola, João Lourenço, tenuto oggi a Strasburgo. "L'Ue deve investire in un grande 'Piano Marshall' per l'Africa, stanziando 40 miliardi di euro nel prossimo bilancio Ue - ha aggiunto Tajani -. Nei prossimi dieci anni, tale piano avrebbe un effetto leva sugli investimenti pubblici e privati pari a 500 miliardi di euro a favore del continente africano".

 

Tajani ha incoraggiato l'Angola a consolidare la transizione democratica, avviata l'anno scorso con l'elezione del presidente Lourenço. "L'Angola si sta aprendo al mondo, ricostruendo l'economia, migliorando i diritti dei cittadini, affrontando corruzione e disuguaglianze - ha detto -. Eppure, l'Angola deve affrontare numerose sfide strutturali, quali la povertà, la disoccupazione, la mancanza di diversificazione economica e la scarsa industrializzazione".

 

"L'Ue deve contribuire a costruire la base manifatturiera dell'Angola, attraverso investimenti e il trasferimento di tecnologia e know-how. In tal senso, è fondamentale il ruolo di una diplomazia economica europea", ha concluso Tajani.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400